Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/05/2021 alle ore 20:45

Attualità e Politica

09/04/2021 | 11:25

Decreto Sostegno, Ufficio parlamentare di bilancio: "Legare contributi a fondo perduto alla perdita di fatturato, con attenzione ai costi fissi delle imprese"

facebook twitter pinterest
Decreto Sostegno Ufficio parlamentare bilancio contributi fondo perduto afatturato

ROMA - Nel prossimo intervento di sostegno alle imprese «sarà importante correlare l’ammontare complessivo di contributi» a fondo perduto «percepiti dai singoli soggetti alla effettiva perdita di fatturato realizzata nel periodo trascorso e, sulla base di queste risultanze, valutare l’opportunità di un intervento di tipo perequativo», in modo da «assicurare che, da un lato, non ci siano stati titolari di partita Iva rimasti esclusi dal beneficio pur avendo subito perdite di rilievo e, dall’altro, non ve ne siano stati altri che abbiano ottenuto ristori, anche consistenti, a fronte di perdite più contenute o addirittura assenti». Lo scrive l'Ufficio Parlamentare di Bilancio nella relazione sul Decreto Sostegno depositata nelle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato.
«Un intervento di questa natura dovrebbe anche tenere conto della diversa capacità delle imprese di adeguare i propri costi alla riduzione di fatturato», spiega l'Upb, sollecitando «un’ulteriore riflessione riguardo alla erogazione di contributi a fondo perduto, alla luce sia degli altri interventi messi in campo per fronteggiare la pandemia (soprattutto sul mercato del lavoro) sia della specificità di ciascun settore e impresa, in termini di struttura dei costi».

ROMA - Tenendo conto di questi elementi, «un contributo parametrato alla mera perdita di fatturato produce esiti diversi in termini di copertura - anche parziale – dei costi delle imprese», prosegue l'Upb. «Le esigenze delle imprese sono molto differenziate in relazione alle proprie caratteristiche strutturali e di settore: alcune di esse potrebbero avere una maggiore capacità di altre di adattare i costi alle variazioni di fatturato», sottolinea la relazione. Inoltre, «le politiche pubbliche di sostegno alle imprese consentono di ridurre alcuni costi variabili, ad esempio il costo del lavoro, più efficacemente rispetto ai costi fissi. Di conseguenza, a causa del legame
molto debole tra la dimensione del contributo a fondo perduto e l’entità dei costi che rimane a carico delle imprese dopo aver usufruito delle diverse politiche pubbliche di sostegno a questi ultimi», conclude l'Upb, si potranno avere «effetti differenziati di copertura dei costi e sulla redditività dell’impresa in base alle diverse caratteristiche strutturali di impresa».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password