Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/11/2019 alle ore 14:11

Attualità e Politica

04/11/2019 | 15:17

Decreto fiscale, Fintech: "Norma non cita carte prepagate, così si distorce il mercato"

facebook twitter google pinterest
Decreto fiscale Fintech carte prepagate

ROMA - Avere «una norma che incentivi l'utilizzo di carte tradizionali» come «carte di credito e di debito» e «non prenda in considerazione gli operatori innovativi» - perchè  «non parla esplicitamente di carte prepagate, il 'cappello' sotto il quale sono ricompresi tutti i pagamenti digitali innovativi» - secondo Marta Ghiglioni, direttore generale dell'Associazione Italia Fintech, «distorce il mercato». Lo ha detto nel corso di un'audizione in Commissione Finanze alla Camera sul Decreto Fiscale. Il testo introduce premi speciali della lotteria degli scontrini a soggetti che «effettuano transazioni attraverso strumenti che consentano il pagamento elettronico» e impone sanzioni ai commercianti che, al momento dell'acquisto rifiutano il codice fiscale del contribuente o non trasmettano i relativi dati all'Agenzia delle entrate. Quando si parla di incentivi ai pagamenti elettronici si cita «il PoS» e si parla di «carte di credito e di debito», dimenticando «proprio quegli operatori che, fino ad oggi, si occupavano di quelle piccole transazioni che gli altri non facevano perché economicamente non vantaggiose».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password