Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/12/2018 alle ore 16:40

Attualità e Politica

27/10/2018 | 15:35

Decreto fiscale, Servizio Studi: lotteria dei corrispettivi dal 2020, copertura finanziaria di 6 milioni di euro all'anno

facebook twitter google pinterest
Decreto fiscale Servizio Studi lotteria corrispettivi

ROMA - L’articolo 18 del Decreto Fiscale, il cui esame sarà avviato la prossima settimana in Commissione Finanze al Senato, «dispone il rinvio al 1° gennaio 2020 del termine di decorrenza della lotteria nazionale dei corrispettivi, precedentemente fissato al 1° gennaio 2018». Lo spiega il Servizio Studi del Senato nella relazione che accompagna il provvedimento. 
In particolare, viene modificato l’articolo 1 della legge di bilancio 2017: «il comma 540 viene sostituito in modo da rinviare al 1° gennaio 2020 la decorrenza della lotteria dei corrispettivi precedentemente prevista decorrere dal 1° gennaio 2018».

Il comma introduce inoltre «la limitazione dell'ambito di applicazione ai soli contribuenti persone fisiche maggiorenni». Rimangono fermi «i requisiti previsti dalla formulazione precedente: contribuenti residenti nel territorio dello Stato, che effettuano acquisti di beni o servizi, fuori dall’esercizio di attività di impresa, arte o professione, presso esercenti che trasmettono telematicamente i corrispettivi. Per partecipare all’estrazione è necessario che i contribuenti, al momento dell’acquisto, comunichino il proprio codice fiscale all’esercente e che quest’ultimo trasmetta all’Agenzia delle entrate i dati della singola cessione o prestazione».

Inoltre, «viene abrogato il comma 543, che disponeva l'attuazione in via sperimentale, a decorrere dal 1° novembre 2017, della lotteria nazionale senza oneri aggiuntivi per il bilancio dello Stato e limitatamente agli acquisti di beni o servizi, fuori dell'esercizio di attività d'impresa, arte o professione, effettuati dai contribuenti, persone fisiche residenti nel territorio dello Stato, mediante strumenti che consentono il pagamento con carta di debito e di credito». Infine, «il comma 544 è sostituito. Nella nuova formulazione si rinvia a un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, d’intesa con l’Agenzia delle entrate, (anziché a un decreto del Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico) la disciplina delle modalità tecniche relative alle operazioni di estrazione, l'entità e il numero dei premi messi a disposizione, nonché ogni altra disposizione necessaria per l'attuazione della lotteria.

La nuova formulazione del comma prevede inoltre che il divieto di pubblicità per giochi e scommesse, previsto dal Decreto Dignità non si applichi alla lotteria». Per garantire le risorse finanziarie necessarie per l’attribuzione dei premi e le spese amministrative connesse alla gestione della lotteria, il provvedimento «dispone l'istituzione di un Fondo iscritto nello stato di previsione del MEF con una dotazione di 3 milioni di euro per l’anno 2020 e di 6 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021». MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password