Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/04/2019 alle ore 15:00

Attualità e Politica

22/02/2019 | 09:23

Decretone, via libera della Commissione Lavoro: il testo in Aula in Senato lunedì 25 febbraio

facebook twitter google pinterest
Decretone Commissione Lavoro senato

ROMA - La Commissione Lavoro del Senato ha concluso l'esame del Decretone su reddito di cittadinanza e quota 100, votando il mandato alle relatrici Nunzia Catalfo (M5S) e Tiziana Nisini (Lega) a riferire in Aula: la convocazione è fissata per lunedì 25 febbraio alle 10.30. 
Il provvedimento prevede l'aumento della tassa sulla fortuna per il 10eLotto, l'aumento di due punti percentuali del preu sulle slot, un versamento da 100 euro una tantum per il rilascio dei nulla osta di distribuzione ai produttori delle slot e il raddoppio del versamento una tantum per i concessionari (200 euro per ogni slot), l'aumento del 10% sull’anticipo che i concessionari degli apparecchi da gioco versano come acconto e una stretta sul gioco illegale, in particolare sui "totem" collegati a siti non autorizzati e sugli apparecchi illegali. 
Nel corso dell'esame in Commissione Lavoro è stato approvato un emendamento delle relatrici che chiarisce le sanzioni «da 20.000 a 50.000 euro» per chi pratica gioco illegale; accolto anche l'odg del senatore Giovanni Endrizzi (M5S) che impegna il Governo «a valutare l'opportunità di estendere con misure idonee l'obbligo di utilizzo della tessera sanitaria per tutti i servizi di offerta del gioco d'azzardo» oppure di un "tesserino dedicato" per i servizi di gioco d'azzardo, ottenibile su richiesta, dotato di fotografia» e « di un chip elettronico con la possibilità di impostare limiti di orario e limiti di spesa mensile rapportata al reddito».
Sono stati ripresentati in Aula gli emendamenti sui giochi già respinti in Commissione: si tratta delle proposte del senatore Dario Damiani (FI) e del senatore Stefano Bertacco (FDI) che chiedevano di ridurre la tassa sulla fortuna sul 10eLotto al 10% e dell'emendamento del senatore Luigi Vitali (FI) che chiedeva di sostituire l'aumento del prelievo sulle slot con un intervento sul compenso per i rivenditori di Gratta e Vinci.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password