Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/04/2021 alle ore 10:43

Attualità e Politica

22/01/2021 | 14:03

Dpcm, Pucci (pres. Astro): "Riaprire in sicurezza tutte le attività per scongiurare la desertificazione economica"

facebook twitter pinterest
Dpcm Pucci Astro

ROMA - In assenza di «una svolta positiva e in tempi brevi del quadro epidemiologico», bisogna «comunque procedere a una riapertura generalizzata delle attività economiche», mantenendo «le basilari misure di contenimento del contagio (distanziamento, divieto di assembramento, igiene e dispositivi di protezione individuale)» e «i protocolli di sicurezza specifici per ogni tipologia di attività». E' la proposta «forte e coraggiosa» che Massimiliano Pucci, presidente dell'associazione dei gestori As.tro, condivide in una lettera inviata ai rappresentanti delle altre attività considerate "non essenziali", come palestre, cinema e ristoranti.
La distinzione tra attività essenziali e non essenziali «non può che rispondere a valutazioni soggettive: ogni attività è da considerarsi "essenziale" per il solo fatto che rappresenta l'unica fonte di sostentamento economico per chi vi opera», spiega. Se l'attuale situazione non dovesse evolversi in maniera positiva nel breve termine, «saremmo inevitabilmente destinati a sparire in maniera definitiva dal panorama economico e sociale del Paese», sottolinea. 
«Comprendo che si tratta di una proposta foriera di rischi non trascurabili, ma credo che resti l'unica prospettiva attualmente immaginabile, a fronte dell'oggettiva impossibilità di un intervento pubblico idoneo a ristorare adeguatamente i danni economici collaterali alle attuali restrizioni, per evitare la desertificazione economica del Paese», conclude Pucci, invitando i rappresentanti delle altre associazioni a redigere un manifesto comune per chiedere la riapertura delle attività. 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password