Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/11/2019 alle ore 20:43

Attualità e Politica

10/10/2019 | 13:09

Enada Roma, Garrisi (CEO Stanleybet): “Fenomeno gioco illegale ridotto dalle Procure, da tre anni chiediamo di poter pagare le tasse”

facebook twitter google pinterest
Enada Roma Garrisi (CEO Stanleybet): “Fenomeno gioco illegale ridotto dalle Procure da tre anni chiediamo di poter pagare le tasse”

ROMA - «La proroga delle concessioni – che il Governo sta inserendo nella prossima legge di Bilancio - è necessaria perché manca una politica del territorio. Il riordino del settore e le gare possono avvenire dopo l’approvazione di una legge quadro per gestire il territorio. In certe regioni non si può aprire una sala, in altre solo in certi posti a debita distanza dai punti sensibili, in altre ancora non ci sono vincoli. Una grande confusione, che si è sviluppata nel nome della lotta alla ludopatia che però sembra uno slogan elettorale più che un’emergenza. Le dipendenze più rilevanti secondo l’Iss sono altre: alcol, obesità, sesso, non il gioco. Perché ci si scaglia contro il gaming? Solo perché dà visibilità. Quello che conta oggi per la politica è influire sulle persone, orientando il loro consenso. Una situazione che getta nel ridicolo il nostro paese e che genera in me grande tristezza». E’ quanto dichiara ad Agipronews Giovanni Garrisi, Ceo di Stanleybet, a margine di Enada Roma.

Commentando il possibile inasprimento dell’azione di Governo contro forme di gioco non autorizzate, Garrisi afferma che «Il problema è stato risolto dalle procure del sud, in particolare da quella di Reggio Calabria, che hanno di fatto liberato il paese dalle forme di gioco illegale. Il fenomeno non è più diffuso come prima. Stanley è in una condizione diversa, siamo legittimati ad operare dalle sentenze della Corte Ue e della Corte di cassazione, queste ultime confermate anche negli ultimi giorni. Rimane in sospeso il pagamento delle tasse. Da tre anni – da quando cioè il sistema concessorio è arrivato a scadenza naturale - siamo disponibili a sederci attorno ad un tavolo: chiediamo di pagare le tasse in Italia, non capisco perché solo dopo le pressioni del ministero dell’Economia sul regolatore riceviamo risposta – peraltro interlocutoria - alle nostre istanze. Per questo nel board di ieri, a Liverpool, abbiamo deciso di affidare ad un professionista un’azione incisiva per risolvere le contraddizioni tra Stanley e regolatore, perché alla fine è sempre rivolgendoci all’amministrazione della giustizia che in passato abbiamo risolto i problemi. Capisco che Adm è tra incudine e martello - ha concluso - però noi vogliamo pagare le tasse. In tempi di crisi delle finanze pubbliche, mi pare un aspetto importante. Non siamo disponibili invece a pagare le sanzioni previste dalla Finanziaria 2011, perché di sanzioni si tratta e non di imposta. Siamo stufi di avere uno Stato che tratta i cittadini che lavorano come nemici, vorrei una maggiore collaborazione. Spero che la ragionevolezza prevalga»..

NT/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Napoli operazione Alto Impatto: controlli in sale scommesse

Napoli, operazione "Alto Impatto": controlli in sale scommesse

16/11/2019 | 16:25 ROMA - Controlli al tappeto su tutto il territorio, che hanno incluso anche due verfiche amministrative in agenzie di scommesse.  E' il risultato dell'operazione "Alto Impatto", che ha coinvolto gli agenti del Commissariato...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password