Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/09/2021 alle ore 09:40

Attualità e Politica

29/04/2021 | 15:54

Giochi nel Lazio, le lavoratrici del settore alla Regione: "Distanziometro totalmente espulsivo, ascoltate le nostre proposte"

facebook twitter pinterest
Giochi Lazio lavoratrici Regione Distanziometro

ROMA - «Abbiamo incrementato i posti lavoro, abbiamo fatto in modo di tutelare i giocatori. Ostacolare il gioco legale lascerebbe alle mafie tutto ciò che abbiamo creato». Così le rappresentanti del comitato "Donne in gioco" durante il sit-in dei lavoratori del settore davanti la sede della Giunta regionale del Lazio. «Siamo qui per lottare per i nostri diritti e per i nostri posti di lavoro. Siamo un punto di riferimento per l'intrattenimento legale, non ci abbandonate». Tonia Campanella, una delle promotrici dell'iniziativa, ha ribadito l'«effetto totalmente espulsivo» della legge regionale sul gioco, che prevede un distanziometro di 500 metri per tutte le sale da gioco e per gli apparecchi. Una misura, hanno sottolineato le lavoratrici, «senza effetti positivi». «Ascoltate le nostre proposte, il nostro lavoro è legale», è l'appello rivolto alla Regione.
LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password