Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/07/2024 alle ore 09:25

Attualità e Politica

10/07/2024 | 13:17

Giochi, Lollobrigida (dir. Giochi Adm): “Registro di autoesclusione per settore retail è realizzabile”

facebook twitter pinterest
Giochi Lollobrigida (dir. Giochi Adm): “Registro di autoesclusione per settore retail è realizzabile”

ROMA – Le proposte, presentate dallo studio dell'Università di Tor Vergata, per la realizzazione di un registro di autoesclusione per il gioco fisico “sono semplici e proporzionali, quindi assolutamente percorribili”. Lo ha detto Mario Lollobrigida, direttore centrale dei Giochi dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli, in occasione del secondo evento in cui è stata esposta la ricerca. “L'approccio è corretto ed esaustivo – ha aggiunto -. Mi piace l'ipotesi dell'app. L'identificazione fisica è necessaria, e i sistemi proposti assicurano il raggiungimento delle finalità”. Lollobrigida ha concluso assicurando che “non ci sarà nessun problema da parte dei concessionari e operatori ad adottare un sistema di questo tipo. Non è semplicemente un principio etico, ma è un interesse vero, anche dei concessionari, i quali non hanno nessuna volontà che il giocatore arrivi a livelli di spesa”.

Grazie alla presentazione della ricerca “è stata colta in pieno l'opportunità di fornire al regolatore gli strumenti per migliorare l'offerta di gioco”, ha affermato Elisabetta Poso, direttrice dell'ufficio Apparecchi da Intrattenimento di Adm. “Parliamo di un'autoesclusione un po' diversa da quella del gioco online, introdotta oltre dieci anni fa assieme ad altre misure come la possibilità di inserire i tetti di spesa. La rinuncia dell'anonimato viene fatta a monte, con la creazione di un conto gioco. Nel gioco fisico bisogna affrontare la tematica dell'anonimato, e in questo la ricerca individua delle soluzioni apprezzabili, perché vanno a circoscrivere il soggetto che ricorre a queste misure.. Rispetto ad altri tentativi fatti in passato, questo è destinato a una cerchia limitata e proporzionato al rischio. Le soluzioni tecnologiche aiutano in questo, individuando i soggetti maggiormente a rischio”, ha concluso.

GM/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password