Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 01/12/2020 alle ore 08:53

Attualità e Politica

19/10/2020 | 10:45

Giochi in Lombardia, Risso (FIT): "Lockdown selettivo per sale slot e bingo è un regalo all'illegalità"

facebook twitter google pinterest
Giochi Lombardia Risso FIT Lockdown sale slot bingo

ROMA - Solidarietà e vicinanza della Federazione Italiana Tabaccai «ai gestori di sale giochi, sale slot e sale bingo», "colpiti" dal «lockdown selettivo» imposto in Lombardia con l'ordinanza regionale approvata nei giorni scorsi, che prevede tre settimane di stop fino al 7 novembre. «Desta sconcerto che, dopo i sacrifici affrontati durante il lockdown e gli investimenti effettuati dagli operatori del settore per adeguare le sale ai protocolli anti covid stabiliti a livello nazionale, ancora una volta, a dover subire ingiustificati attacchi siano proprio gli operatori del settore attraverso quello che a tutti gli effetti appare essere un lockdown selettivo. In più, in assenza di qualsivoglia misura compensativa di sostegno», ha detto il presidente FIT, Giovanni Risso. «Temiamo che quello che appare essere odio aprioristico verso il settore possa portare a ulteriori inasprimenti con l'inibizione alla raccolta di altri giochi così come avvenuto durante la prima fase dell'epidemia», ha spiegato. «Sarebbe questo un altro regalo alla raccolta illegale che certo non si preoccupa di misure anticovid, di tutela della salute e di tutela dei minori. Le tabaccherie italiane hanno garantito durante tutto il lockdown l'accesso a molteplici servizi di pubblica utilità ivi inclusi quei servizi di pagamento che le filiali bancarie e postali chiuse non assicuravano più. E ciò - interviene Giorgio Pastorino, Presidente del Sindacato Totoricevitori Sportivi - nonostante con la chiusura del comparto gioco fossero venuti a mancare ricavi essenziali per la quadratura del conto economico e malgrado l'esclusione da ogni forma di contribuzione pubblica in quanto aperti per il settore tabacco». 
I tabaccai lombardi e di tutta Italia «hanno dato fondo ai propri risparmi per portare avanti l'attività. La categoria non può affrontare un altro lockdown, neppure selettivo, senza ricevere dal Governo adeguati contributi per il proprio lavoro. E' giunto il momento che il continuo impegno e l'abnegazione dimostrati nei mesi scorsi siano riconosciuti», ha concluso Risso.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password