Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/03/2019 alle ore 21:07

Attualità e Politica

28/02/2019 | 08:36

Giochi, Napoli: clan gestiva monopolio delle slot, tribunale condanna i fratelli Russo

facebook twitter google pinterest
Giochi Napoli clan slot tribunale

ROMA - Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (CE), ha condannato i fratelli Francesco e Massimo Russo, fratelli del capoclan Peppe Russo, detto «il padrino», (ritenuto fedelissimo del boss Francesco Schiavone «Sandokan») rispettivamente a 16 anni e mezzo e 17 anni di reclusione nell'ambito del processo sulla gestione illegale delle slot machine che il 15 settembre del 2015 portò la Dia, coordinata dalla DDA di Napoli, ad eseguire 44 misure cautelari. L'indagine evidenziò gli interessi del clan anche nei settori delle sale bingo e nella gestione dei cavalli da corsa. In quell'occasione, infatti, fu arrestato anche un fantino, Mario Minopoli (difeso dagli avvocati Paolo Trofino e Alfredo Marrandino), che aveva condotto un cavallo, Madison Om, di proprietà, secondo la procura antimafia, di Massimo Russo. Al fantino veniva contestata l'intestazione e l'interposizione fittizia, con l'aggravante di avere agevolato un clan mafioso. Il pm aveva chiesto per lui quattro anni e mezzo di carcere. Il giudice però ha escluso l'aggravante e dichiarato prescritto il reato. 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password