Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/09/2022 alle ore 20:49

Attualità e Politica

26/01/2022 | 16:10

Giochi, Rapporto Luiss Business School-Ipsos: il 79% degli esercenti pessimista su possibilità di contrasto al settore illegale

facebook twitter pinterest
Giochi Rapporto Luiss Business School Ipsos settore illegale esercenti

ROMA - Dalla ricerca realizzata da Luiss Business School e Ipsos nell'ambito dell'Osservatorio sui mercati regolati emerge «una differente percezione dell'illegalità nel mondo del gioco: il 70% degli operatori pensa che questo fenomeno riguardi principalmente il canale fisico e che si sia propagato soprattutto durante il periodo pandemico, con conseguenze ritenute gravi per la diffusione della criminalità», ha spiegato Nando Pagnoncelli, Presidente di Ipsos. «I risvolti negativi sono poi ulteriormente rafforzati dalla convinzione presente nel 70% della popolazione (e nel 79% degli esercenti) che non sia facile intercettare e punire fenomeni di illegalità, situazione che indebolisce la capacità della rete distributiva del gioco legale, evidenziando delle fragilità di cui è bene tenere conto nel futuro», ha proseguito.
La seconda analisi sul profilo del giocatore tipo - elaborata sulla base di un modello econometrico sviluppato dalla Luiss Business School, grazie a dati forniti dall'Agenzia delle dogane e dei Monopoli e da Istat - ha «evidenziato che l’elasticità del gioco rispetto al reddito e alla spesa per beni ricreativi risulta essere positiva e di entità limitata», mostrando quindi il ritratto di «una popolazione di consumatori che considera il gioco sempre più come un bene 'normale' e un bene 'necessario', parte del proprio tempo libero, ineliminabile dunque dal paniere dei consumi», ha spiegato il professor Raffaele Oriani, referente scientifico del progetto e Associate Dean della Luiss Business School.
Si conferma quindi «il ruolo positivo che il gioco in denaro può esercitare sul benessere dei giocatori» e, per questo motivo, «è necessario che venga opportunamente tutelato attraverso una regolamentazione attenta, in particolare ai comportamenti dei giocatori e alle evoluzioni tecnologiche, e sia accompagnato da una lotta serrata e senza quartiere al gioco illegale», ha concluso Oriani.
MSC/Agipro

Foto Credits Flickr Japanexperterna.se CC BY-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password