Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/09/2018 alle ore 11:37

Attualità e Politica

30/01/2018 | 14:13

Giochi, Regione Umbria: 111 sale in meno nel primo trimestre 2017, al lavoro su marchio "No slot"

facebook twitter google pinterest
Giochi Regione Umbria slot

ROMA - A maggio 2016, in Umbria, 1.397 locali erano autorizzati a proporre gioco: a marzo 2017, si è registrata una contrazione di 111 esercizi. È quanto si legge nella relazione sulla legge regionale per il contrasto del gioco patologico, riferita al 2016 e al primo trimestre 2017. Sempre a marzo 2017 è iniziata la campagna di informazione e sensibilizzazione sul tema con diffusione sui media e un concorso di idee ed è stata effettuata la formazione di operatori sanitari e volontari della prevenzione con il corso “No slot”. Il numero verde 800 410 902 è stato rifinanziato e a febbraio 2017 faceva registrare 89 chiamate di cui 50 direttamente da giocatori con problemi, 37 da familiari e amici e 2 da associazioni. Dei 50 giocatori, solo 22 erano umbri: la fascia più colpita era quella fra i 40 e i 49 anni di età. Sono stati disposti interventi delle Asl umbre grazie ai finanziamenti al centro regionale di Foligno, perché queste prestazioni non sono comprese nei Lea. Attualmente, si sta ultimando la composizione grafica del marchio 'no slot', mentre si registra un ritardo per quanto riguarda le disposizioni in materia di Irap, perché il MEF ha espresso alcune osservazioni.
RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password