Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/12/2018 alle ore 20:48

Attualità e Politica

21/11/2018 | 14:24

Giochi a Ventimiglia, Astro in piazza lunedì 26 novembre contro l'ordinanza del sindaco Ioculano

facebook twitter google pinterest
Giochi Ventimiglia Astro piazza ordinanza sindaco Ioculano

ROMA - «Recentemente il Comune di Ventimiglia ha emanato un’ordinanza che regola l’orario di funzionamento dei congegni stabilendo, di fatto, la possibilità di giocare solo di notte. Pensavamo di averle viste tutte, ma il provvedimento del sindaco Ioculano va oltre: relega il buon senso e contraddice la linea tracciata dal Consiglio Regionale ligure che ha scelto di prorogare i termini di applicazione della legge regionale “fino alla data di entrata in vigore del Testo unico in materia di prevenzione e trattamento del Gap”, rispettando quanto previsto dal Decreto Dignità». Lo spiega in una nota Raffaele Fasuolo, Consigliere As.tro e responsabile della Regione Liguria. «L’ordinanza sindacale presenta numerose criticità che generano una lunga serie di problemi a carico di operatori e cittadini. Innanzitutto è evidente che l’attività di gioco svolta nel pieno della notte, oltre a creare problemi di sicurezza (i punti dedicati al gioco sono attività a rischio continuo di furti e rapine già durante il giorno, figuriamoci nelle ore notturne), incoraggia solamente i soggetti più a rischio. Questa disposizione, infatti, anziché scoraggiare l’approccio problematico al gioco, sembra sia stata creata ad hoc per alimentare tali dipendenze». In particolare, continua, «favorisce il cosiddetto ‘pendolarismo dei giocatori’, ovvero porta i giocatori a spostarsi verso quei territori non colpiti da restrizioni all’offerta di gioco (come i comuni limitrofi di Camporosso, Vallecrosia, Dolceacqua, Bordighera, Vallebona, Soldano, San Biagio della Cima, ovvero il Comune di Sanremo che ha un casinò attivo dalle ore 10,00 del mattino e slot ad orario libero o quello francese di Mentone anch’esso con un casinò attivo)» e «non tiene in considerazione quelle che sono le risultanze emerse dagli studi scientifici condotti in materia quale, ad esempio, lo studio dell’ISS, che ha evidenziato come i “giocatori problematici” preferiscano giocare in luoghi lontani da casa e che garantiscono una maggiore riservatezza, a differenza dei “giocatori sociali” che prediligono invece gli esercizi commerciali generalisti che offrono diversi servizi».
L’ordinanza crea, poi, «pesanti disparità di trattamento tra i punti di distribuzione del gioco: a giovarne saranno esclusivamente i grandi locali stile casinò – presenti in Liguria e nella confinante Francia - che lavorano soprattutto nelle ore notturne, mentre bar e tabacchi, essendo punti vendita attivi principalmente nelle ore diurne, saranno completamente estromessi dalla rete di raccolta di gioco con la conseguenza che, molte delle attività che riuscivano ad integrare il proprio reddito grazie alle entrate provenienti dai congegni legali ed erano un presidio di legalità sul territorio, saranno messe in ginocchio e condannate alla chiusura».
Per questo «As.tro, insieme a FIT-STS, protesterà il prossimo lunedì 26 novembre alle 10, in Piazza della Libertà di fronte la sede del Comune di Ventimiglia per manifestare la ferma contrarietà a questa ordinanza. Tutti gli iscritti As.tro sono, quindi, invitati a partecipare numerosi alla manifestazione per denunciare gli effetti distorti che verrebbero prodotti da un provvedimento idoneo solo a danneggiare le attività legali presenti sul territorio, senza contribuire nell’azione di tutela e prevenzione dei rischi legati al gioco», conclude la nota.
RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password