Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/06/2024 alle ore 20:45

Attualità e Politica

05/06/2023 | 12:45

Giochi e distanziometro, Tar Emilia: una sala di Rimini dovrà chiudere, nessuna nuova deroga per la delocalizzazione

facebook twitter pinterest
Giochi e distanziometro Tar Emilia: una sala di Rimini dovrà chiudere nessuna nuova deroga per la delocalizzazione

ROMA – Una sala scommesse di Rimini dovrà chiudere in quanto la società titolare non potrà usufruire di ulteriori proroghe per la delocalizzazione. E' quanto stabilito dal Tar dell'Emilia Romagna, che ha respinto la richiesta di sospensiva presentata dal gestore riguardo all'atto in cui si chiedeva la restituzione della licenza per operare nella sala, poiché troppo vicina a una scuola secondo la legge regionale del 2013. La norma infatti vieta l'installazione di apparecchi a meno di 500 metri da determinati luoghi sensibili. La prima nota che comunicava l'avvio del procedimento di chiusura, si legge nel provvedimento, risale al gennaio del 2020, mentre a maggio 2021 veniva disposto il primo periodo di proroga per la delocalizzazione nel Comune di Forlì, poi prolungato con un'ulteriore proroga al 31 maggio 2022 e poi al 30 giugno 2022 “non ritenendo però l’Amministrazione di concedere l’ulteriore proroga” prevista dalla delibera della Giunta Regionale del 2019 “per non aver a suo dire adottato alcun aggiornamento della mappatura dei nuovi luoghi sensibili”. Il Collegio ha ritenuto giusta la decisione di non concedere ulteriori proroghe: nella sentenza è infatti spiegato che l'obiettivo della deroga è “tutelare il legittimo affidamento” da parte di chi potrebbe “aver fatto degli investimenti”. Solo in questi casi quindi “la delibera consente, in presenza di nuova mappatura, di fare istanza di delocalizzazione, anche se i termini iniziali per la delocalizzazione fossero già scaduti”. Nonostante soltanto la seconda mappatura, datata nel 2019, abbia rilevato la presenza di luoghi sensibili vicino alla sala, il tribunale spiega che la prima ricognizione del 2017 “sia stata dichiaratamente provvisoria”.

GM/Agipro

Foto credits wp paarz/Flickr CC BY-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password