Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/02/2023 alle ore 20:58

Attualità e Politica

14/12/2022 | 11:52

Giochi e distanziometro, Tar Umbria: nessuna deroga per il trasferimento di locali, via le slot da un bar di Assisi

facebook twitter pinterest
Giochi e distanziometro Tar Umbria: nessuna deroga per il trasferimento di locali via le slot da un bar di Assisi

ROMA – Il Tar Umbria conferma lo stop alle slot machine in un bar di Assisi, per la violazione del "distanziometro". È quanto si legge nella sentenza pubblicata oggi, sul caso di un esercente che nel 2019 aveva trasferito il suo esercizio in un nuovo locale a poche decine di metri di distanza. In questo caso, secondo il Tar, scatta l'applicazione della distanza minima dai luoghi sensibili prevista dal regolamento comunale. La norma del 2016 vieta infatti l'apertura di sale giochi e l'installazione di nuovi apparecchi in un raggio di 500 metri da determinati luoghi come scuole o chiese, e il nuovo locale scelto dal ricorrente risultava troppo vicino a una chiesa, a un asilo, allo stadio e a un centro ricreativo. I giudici hanno evidenziato che il regolamento ispirato alla legge regionale "salva" dal distanziometro le attività di gioco già esistenti prima della sua entrata in vigore; tuttavia tale deroga non è prevista nel caso del trasferimento dei locali. In una situazione simile, la "nuova disciplina comunale che prevede l’obbligo di distanza minima dai luoghi sensibili ivi individuati trova, al contrario, piena applicazione". Il Collegio conferma anche la correttezza dell'istruttoria posta alla base del regolamento di Assisi, e il fatto che - come emerge anche dalla relazione depositata dal ricorrente - sul territorio comunale è ampiamente possibile aprire un'attività di gioco a norma di legge.

RED/Agipro

Foto credits wp paarz/Flickr CC BY-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse abusive a Rimini denunciate 41 persone

Scommesse abusive a Rimini, denunciate 41 persone

04/02/2023 | 08:58 ROMA - Sono 41 i soggetti denunciati dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Rimini per reati connessi alle scommesse abusive: in particolare, 21 in concorso al titolare di una tabaccheria e ricevitoria per il reato di...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password