Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/04/2024 alle ore 20:32

Attualità e Politica

06/03/2023 | 16:49

Giochi, il Tribunale regionale difende il distanziometro: "Legittima la norma della Provincia di Bolzano, nessun effetto espulsivo"

facebook twitter pinterest
Giochi il Tribunale regionale difende il distanziometro: Legittima la norma della Provincia di Bolzano nessun effetto espulsivo

ROMA – La legge della Provincia di Bolzano sul distanziometro è legittima e non genera il cosiddetto “effetto espulsivo” per le attività di gioco lecito. Lo ha stabilito il TRGA (Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa) di Bolzano, in una serie di sentenze con cui ha respinto i ricorsi di diversi operatori del gioco presenti nel capoluogo altoatesino. Al centro della vicenda, la norma che prevede almeno 300 metri di distanza tra apparecchi e attività di gioco e luoghi sensibili come scuole o chiese. I ricorrenti lamentavano la presenza, sul territorio comunale di Bolzano, del cosiddetto “effetto espulsivo”, per cui sarebbe possibile l'installazione di apparecchi da gioco in una porzione inferiore all'1% del territorio. I giudici amministrativi hanno evidenziato che già nel 2019 il Consiglio di Stato aveva confermato la legittimità della legge provinciale, poiché una C.T.U. (consulenza tecnica d'ufficio) del 2018 “conferma espressamente per il territorio del Comune di Bolzano, e anche in ambito provinciale, l’inesistenza dell’effetto espulsivo lamentato”. Il TRGA ha spiegato che gli argomenti della sentenza del Consiglio di Stato del 2019 sono sufficienti “a ribadire la manifesta infondatezza della questione di costituzionalità della disciplina provinciale” e che, in sostanza, sono sufficienti a provare la legittimità della norma. L'esistenza dell'effetto espulsivo è stata inoltre smentita “dalle numerose nuove aperture di punti gioco nel periodo successivo all’entrata in vigore del distanziometro”.

RED/Agipro

Foto credits wp paarz/Flickr CC BY-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password