Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/02/2024 alle ore 09:00

Attualità e Politica

07/12/2023 | 17:30

Giochi in Veneto, Consiglio di Stato ribalta la decisione del Tar: il Comune di Thiene può imporre limiti orari, ma non sospendere l’apertura di una sala

facebook twitter pinterest
Giochi in Veneto Consiglio di Stato ribalta la decisione del Tar il Comune di Thiene può imporre limiti orari ma non sospendere l’apertura di una sala

ROMA – È legittimo per un Comune imporre limiti orari alle attività e alle sale giochi del proprio territorio, ma non può essere imposta dal Sindaco anche “la sanzione della sospensione dell’attività per un certo tempo”. Lo ha stabilito la quinta sezione del Consiglio di Stato, che ha ribaltato la sentenza del Tar Veneto in merito al ricorso di una società che gestisce una sala nel territorio del Comune di Thiene contro l'ordinanza del 2017 che ha imposto la sospensione dell’attività per tre giorni a seguito di inadempienze rispetto ai limiti orari. Il Tribunale Amministrativo aveva giudicato il provvedimento legittimo. Tuttavia, Palazzo Spada contesta all’autorità del primo cittadino del comune veneto “il potere sanzionatorio” che ha portato alla chiusura dell’attività per “un periodo di tre giorni” a seguito di “alcune violazioni nei mesi di maggio e giugno 2017”. Il Consiglio di Stato ribadisce che “la possibilità di disporre la sospensione appartiene all’organo che ha rilasciato l’autorizzazione di polizia, cioè la Questura di Vicenza”.
GF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password