Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/07/2018 alle ore 17:27

Attualità e Politica

05/02/2018 | 13:25

Ice a Londra, Harrison (Ceo Gambling Commission): “Stop al sessismo nelle fiere del gioco o le boicotteremo”

facebook twitter google pinterest
Ice Londra Harrison Ceo Gambling Commission gioco

LONDRA - Basta con il sessismo nelle fiere di gioco, altrimenti la Gambling Commission - l’ente regolatore del gaming britannico - boicotterà le prossime manifestazioni dell’industria. Lo ha annunciato Sarah Harrison, numero uno della GC, nel corso della conferenza di apertura di ICE Totally Gaming in corso a Londra. “Il settore è pieno di donne di grande talento e capacità, non è giusto che l’immagine degli eventi sia quella di ragazze seminude che girano per gli stand. Chiedo agli operatori di porre fine a tutto ciò”. Sia la European Casino association (Eca) che gli organizzatori di Clarion gaming, in una lettera hanno invitato gli espositori a non “utilizzare stereotipi e strumentalizzazioni del corpo femminile per promuovere i loro prodotti”.  “Abbiamo esercitato una pressione sugli operatori - afferma Ewa Bakun, capo della strategia di Clarion Gaming - per introdurre una cultura più inclusiva e migliorare l’equilibrio a tutti i livelli dell’organizzazione”. Sarah Harrison ha ricordato ad una audience molto sorpresa per i toni del suo intervento che la persona più più pagata dell’industria è una donna: Dennis Coates, numero uno di Bet365, che nel 2017 ha percepito 217 milioni di sterline per il suo lavoro.
NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi settimana in un clic 20 luglio 2018

Giochi, la settimana in un clic

20/07/2018 | 16:04 LUNEDI' 16 LUGLIO Giustizia e Giochi – Il Gup del Tribunale di Roma, Elvira Tamburelli, ha disposto il rinvio a giudizio per l’imprenditore Francesco Corallo, per l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini,...

esports

eSports: in Svizzera scende in campo la banca PostFinance

20/07/2018 | 13:00 ROMA - Fino a oggi a lanciarsi nel mondo degli eSports, per evidenti questioni di vicinanza e affinità, sono sempre state società sportive, pronte a prestare la loro divisa e il loro brand ai campioni del joypad nei tornei...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password