Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/05/2018 alle ore 17:00

Attualità e Politica

20/12/2017 | 10:34

Legge di bilancio, Camera: ok della Commissione a emendamento su personale delle Agenzie fiscali

facebook twitter google pinterest
Legge bilancio Camera Commissione emendamento Agenzie fiscali

ROMA - La Commissione Bilancio della Camera, nel corso della maratona notturna sulla manovra, ha approvato un emendamento sulla riorganizzazione delle Agenzie fiscali, che dà la possibilità di istituire posizioni organizzative per svolgere incarichi di elevata responsabilità e disciplinare l'accesso alla qualifica dirigenziale mediante concorso pubblico per titoli ed esami, con un 50% di posti riservato al personale già assunto con concorso e in servizio da almeno dieci anni nella terza area. L'Agenzia delle Entrate e l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli potranno disciplinare il conferimento delle posizioni a funzionari con almeno cinque anni di esperienza nella terza area, mediante una selezione interna e potranno "attribuire ai titolari delle posizioni il potere di adottare atti e provvedimenti amministrativi, compresi gli atti che impegnano l'Agenzia verso l'esterno, i poteri di spesa e quelli di acquisizione delle entrate rientranti nella competenza dei propri uffici, di livello non dirigenziale, e la responsabilità dell'attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo". Inoltre potranno prevedere l'articolazione delle posizioni secondo diversi livelli di responsabilità con conseguente graduazione della retribuzione di risultato, sulla base del livello di valutzione annuale riportata. Per quanto riguarda il concorso per i dirigenti, l'emendamento prevede che gli esami consistano in una prova scritta, a carattere tecnico-pratico, e in una orale, finalizzate ad individuare, secondo modalità e descrizione dei contenuti specificate con dm del Mef, le capacità cognitive e le competenze manageriali attinenti alle diverse tipologie di compiti istituzionali dell'agenzia che bandisce il concorso, con la possibilità di un test preselettivo. Non dovranno fare il concorso per diventare dirigenti i dipendenti delle due Agenzie che svolgano da almeno due anni funzioni di dirigenti o siano Pos, ovvero posizioni organizzative speciali ad alta responsabilità, o ancora sono stati assunti con concorso e abbiano una anzianità di terza area di almeno dieci anni. Il 50% dei posti messi a bando sarà comunque riservata a questi ultimi. Infine, l'emendamento prevede che i posti di vicedirettori - sia per l'Agenzia delle Entrate che per i Monopoli - siano un massimo di tre.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password