Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 11/12/2018 alle ore 20:33

Attualità e Politica

17/12/2017 | 09:25

Legge di bilancio, Camera: nessun emendamento sui giochi dal Governo, ippica in stand-by

facebook twitter google pinterest
Legge bilancio Camera giochi Governo ippica

ROMA - Nella tarda serata di ieri, il Governo ha depositato in Commissione Bilancio alla Camera un pacchetto di emendamenti alla manovra - nessuno dei quali riguarda i giochi - che saranno sottoposti al vaglio dell'ammissibilità. Per quanto riguarda l'area tematica 90 sui giochi, nella seduta di ieri sono stati accantonati tutti gli emendamenti sull'ippica, sui quali vi è "un orientamento tendenzialmente favorevole, ma sono in corso alcune verifiche", ha spiegato il relatore della manovra, Francesco Boccia (PD). Si tratta degli identici emendamenti 90.4 della Commissione Agricoltura, dell'emendamento 90.53 a firma di Pietro Laffranco e del 90.59 del presidente della Commissione Agricoltura, Luca Sani (PD), che chiedono di introdurre la tassazione sul margine per le scommesse ippiche (al 33% per il gioco fisico e al 37% per l’online), l’autorizzazione alla raccolta per le società che gestiscono gli ippodromi, l’adeguamento dei sistemi di totalizzazione e l’avvio della riforma del settore da parte del Mipaaf. 
Inoltre, anche gli emendamenti 90.55 a firma di Paolo Russo (FI) e 90.60 di Giulio Cesare Sottanelli (SC-ALA) "risulterebbero assorbiti nel caso di approvazione di tali proposte emendative", ha aggiunto Boccia. Anche l'emendamento 90.62 di Francesco Saverio Romano (SC-ALA) è accantonato "perché vi è una riformulazione in corso". Restano accantonati anche i tre emendamenti presentati da Rocco Palese (FI), Guido Guidesi (Lega) e Gianni Melilla (SI) che chiedevano di indire una gara per le lotterie nazionali ad estrazione istantanea: il deputato Alberto Giorgetti (FI), nel corso della discussione in Commissione, aveva espresso la sua riserva sull'ammissibilità degli emendamenti perchè "introducono una nuova disciplina senza disporre l'abrogazione di quella vigente, con il conseguente rischio di sovrapposizioni tra le due normative". Il decreto fiscale recentemente approvato, infatti, prevede il rinnovo dell'attuale concessione. La Commissione è convocata oggi alle 13 per riprendere l'esame delle proposte di modifica.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password