Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/12/2018 alle ore 16:00

Attualità e Politica

03/05/2018 | 12:33

Limiti orari a Torino, gestori in Consiglio di Stato: "Slot discriminate, il Cnr ci dà ragione"

facebook twitter google pinterest
Limiti orari Torino gestori Consiglio Stato

ROMA - Slot e vlt non hanno la maggiore incidenza nei casi di gioco patologico e non vanno penalizzate nei regolamenti comunali che puntano a prevenire la ludopatia. È quanto ha sostenuto le società Casinò delle Alpi nell'udienza in Consiglio di Stato contro il regolamento del Comune di Torino emanato a ottobre 2016 che limita l’orario di funzionamento delle slot machine a otto ore al giorno (dalle 14.00 alle 18.00 e dalle 20.00 alle 24.00). La società ha citato lo studio appena pubblicato del Cnr di Pisa sulla diffusione del gioco, secondo il quale ad avere la maggiore incidenza nei casi di gioco patologico sono scommesse e lotterie istantanee; giochi dunque diversi da quelli disciplinati dal regolamento che dispone limiti orari solo per gli apparecchi. Su questo punto la società Hbg, che pure ha presentato ricorso, ha invece sostenuto la differenza sostanziale tra esercizi generalisti e sale dedicate, che invece non dovrebbero essere sottoposte a limiti orari. La sentenza dovrebbe arrivare tra un paio di mesi. A luglio 2017 Il Tar Piemonte aveva dichiarato legittimo il regolamento di Torino. Per i giudici la norma non ha vizi di “disparità di trattamento” rispetto ad altri tipi di giochi: i limiti orari riguardano solo gli apparecchi perché il regolamento ha applicato la legge regionale piemontese del 2016 che ha previsto i limiti con specifico riferimento agli apparecchi. “La giurisprudenza amministrativa - scrivevano i giudici - ha avuto modo più volte di affermare la più elevata pericolosità, ai fini del rischio di determinare forme di dipendenza patologica, di slot e vlt”.
LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

tar bolzano giochi vlt

Giochi, Tar Bolzano sospende chiusura di tre sale vlt

12/12/2018 | 15:05 ROMA - Sono state momentaneamente sospese dal Tar Bolzano le chiusure di tre sale vlt del capoluogo altoatesino, per le quali il Comune aveva disposto lo stop all'attività. Nei decreti urgenti firmati dalla presidente Edith...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password