Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/02/2018 alle ore 20:35

Attualità e Politica

01/02/2018 | 17:18

Operazione “Game Over”, Lo Voi (DDA Palermo): «Così le agenzie occultavano gli affari illegali»

facebook twitter google pinterest
Lo voi operazione game over scommesse

ROMA - «Gran parte delle agenzie, sia quelle sequestrate, sia quelle (circa 650, ndr) ancora non individuate, non operavano esclusivamente col marchio o per il marchio B2875. Operavano spesso anche legalmente per altri brand ufficiali». Lo ha spiegato oggi il capo della Dda di Palermo, Francesco Lo Voi, nel corso della conferenza stampa sull’operazione "Game over" in seguito alla quale sono state eseguite 31 ordinanze di custodia cautelare e sequestrate 46 agenzie di scommesse.

«Le operazioni per conto di B2875 – ha precisato - erano quelle illegali ed erano quindi quelle che venivano nascoste. Conseguentemente accadeva che in occasione di controlli di polizia finalizzati alla verifica del possesso delle concessioni statali, il singolo gestore tendesse a occultare tutto ciò che riguardava il B2875, lasciando solo in evidenza tutto ciò che era relativo ai brand ufficiali. Di questo abbiamo amplissima traccia nelle miriadi di intercettazioni registrate».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

Scarica l'app dallo store

Scarica
chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password