Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/03/2021 alle ore 19:05

Attualità e Politica

21/01/2021 | 15:51

I DIMENTICATI DAL GOVERNO

Manifestazione "rosa" a Roma, una lavoratrice toscana: "Ferma dopo 20 anni di lavoro, pesantissimo essere ignorati dal Governo"

facebook twitter pinterest
Manifestazione rosa a Roma una lavoratrice toscana: Ferma dopo 20 anni di lavoro pesantissimo essere ignorati dal Governo

ROMA - Più di 20 anni di esperienza nelle sale scommesse, un lungo cammino lavorativo che oggi è appeso a un filo dopo mesi di inattività e incertezza sul futuro. Per la seconda settimana consecutiva Irene, da Livorno, è a Roma in piazza Montecitorio, a chiedere insieme alle sue colleghe del settore giochi un segnale di attenzione da parte dal Governo. "Lavoro nelle sale scommesse dal 1998, posso dire ormai di conoscere ogni mattonella, ogni centimetro del posto in cui lavoro - racconta ad Agipronews - Siamo riusciti a riprendere l'attività a giugno prima del nuovo blocco, e l'ultimo versamento della cassa integrazione è arrivato a settembre, prima dello stop di ottobre. Il mio timore ora è fortissimo". 
Oltre al fattore economico c'è un altro aspetto a preoccupare Irene e le sue colleghe. "Dopo oltre sei mesi di chiusura è psicologicamente pesantissimo non essere considerati affatto. È vero che anche altri settori sono in ginocchio, eppure tutti riescono a conquistare uno spazio sotto i riflettori. Questo non succede con il settore del gioco". Come in altri casi, anche il gestore della sala di Irene ha cercato di aiutare i dipendenti: "Dove lavoro io siamo in 11, più altre quattro agenzie sempre gestite dalla stessa persona. È intervenuto nei limiti del possibile per darci una mano, ma ora sta pensando di tirare una riga e lasciare tutto". La chiusura fissata almeno fino al 5 marzo rende nebuloso anche lo scenario dei prossimi mesi: "L'ultimo DPCM mi ha lasciato una sensazione di disperazione. È incredibile pensare che per lavorare abbiamo avuto l'autorizzazione di Stato e Questura eppure oggi siamo considerati alla stregua di appestati".


LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password