Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/05/2021 alle ore 20:50

Attualità e Politica

23/11/2020 | 17:27

Manovra, Upi: "Alle Province risorse e compiti impegnativi, ma manca riconoscimento istituzionale e autonomia finanziaria"

facebook twitter pinterest
Manovra Upi Province

ROMA - Da un lato, gli ultimi provvedimenti assegnano alle Province «risorse e compiti sempre più impegnativi, dall’altro non si procede - come necessario - a chiarire le tante incongruenze mai risolte, a partire dalla netta assegnazione delle funzioni fondamentali e dal riconoscimento del ruolo di istituzione per lo sviluppo e la semplificazione». E' quanto si legge nella memoria sulla legge di bilancio depositata dall'Upi nelle Commissioni Bilancio di Camera e Senato. «Nonostante ormai sia stata riconosciuta in maniera unanime, sia dal Governo che dal Parlamento, la necessità e urgenza di procedere alla revisione profonda delle norme di riordino delle Province, dobbiamo constatare che il processo sta procedendo estremamente a rilento» e il ritardo «impatta in maniera pesante sulla capacità di efficienza delle Province e delle Città metropolitane, su cui invece Governo e Parlamento stanno facendo pieno affidamento», si legge ancora nella memoria, in cui l'Upi ribadisce «l’urgenza di dare una forte accelerazione al processo avviato, così da mettere ordine entro il 2021 al quadro di amministrazione e governo dei territori e delle comunità». Si tratta di «un passaggio essenziale anche per assolvere, in maniera credibile ed efficace, alla sfida per la ripresa dello sviluppo che tutte le istituzioni, insieme, sono chiamate ad affrontare e vincere». Dal punto di vista finanziario, ha spiegato il presidente Michele de Pascale, è indispensabile un riordino della finanza provinciale che «non preveda più interventi di "tamponamento", ma una messa a regime che garantisca autonomia finanziaria e equilibrio delle gestioni alle Province: per questo chiediamo la cancellazione della norma sulla spending review, che per le province vale 50 milioni dal 2023 al 2025».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

MillionDay ritardatari

MillionDay: il 33 ancora leader dei ritardatari a 42 turni

13/05/2021 | 19:01 ROMA - Il 33 resta alla guida dei ritardatari del MillionDay con 42 turni di assenza, dopo l'estrazione di giovedì 13 maggio. Resistono anche il 26, via da 36 estrazioni, e il 17 (28). Tra i cinque numeri più assenti...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password