Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2021 alle ore 19:05

Attualità e Politica

27/10/2021 | 15:10

Operazione "Game Over", As.tro al presidente della Commissione Antimafia: "Vicenda estranea al mercato legale, proibizionismo inutile per contrastare la criminalità"

facebook twitter pinterest
Operazione Game Over As.tro scrive al presidente della Commissione Antimafia: Vicenda estranea al mercato legale proibizionismo inutile per contrastare la criminalità

ROMA - Sì alla lotta contro il gioco illegale, no alla condanna del comparto legale e autorizzato dallo Stato. Così l'associazione As.tro in una lettera inviata al senatore Nicola Morra, presidente della Commissione Parlamentare antimafia, che ieri commentando le condanne relative all'operazione "Game Over" ha stigmatizzato il settore delle scommesse, e auspicato un freno al gioco da parte dello Stato. «I protagonisti dell’operazione “Game Over” operavano tutti al di fuori del mercato legale», ricorda però il presidente As.tro, Massimiliano Pucci, spiegando che «le società coinvolte erano prive della concessione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, necessaria per operare legalmente nel nostro Paese». La dichiarazione di Morra «fa torto alle migliaia di imprese che operano, in piena “trasparenza”, sulla base di una concessione dello Stato e in virtù di specifiche autorizzazioni di pubblica sicurezza». Il sistema di regole definite nel corso della legalizzazione del gioco, che «impongono il possesso di rigidi requisiti per l’esercizio dell’offerta legale», permettono di «individuare e reprimere con interventi più mirati l’offerta esercitata dalle organizzazioni criminali». È vero anche che la criminalità organizzata riesce a infiltrarsi nel mercato legale, «ma questo problema, che non è comunque ravvisabile dai fatti emersi nell’operazione “Game Over”, potrebbe essere fortemente limitato se gli interventi politici rivolti a questo delicato settore fossero maggiormente orientati al riconoscimento del ruolo delle imprese legali come presidio territoriale per arginare le infiltrazioni criminali». Negli ultimi anni, continua As.tro, «si è invece assistito ad una sequela di interventi che si muovono nella direzione esattamente contraria», improntati «sull’idea illusoria che la domanda di gioco e i suoi fenomeni degenerativi possano essere cancellati attraverso il modello proibizionista». Al contrario, conclude l'associazione, l'esperienza pregressa «che indusse il legislatore ad avviare il processo di legalizzazione testimonia esattamente il contrario».
RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password