Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/03/2019 alle ore 19:06

Attualità e Politica

18/09/2018 | 17:23

Giochi in Piemonte, Negro (Astro): “Aspettiamo tavolo di confronto con responsabili regionali di lavoro e sanità”

facebook twitter google pinterest
Piemonte Negro Astro

ROMA - Il primo spiraglio di luce è arrivato oggi, dopo mesi di proteste contro la legge del Piemonte sul gioco patologico. È Mario Negro, presidente onorario dell’associazione Astro, a raccontare i risultati della manifestazione davanti alla sede del Consiglio regionale, a cui hanno partecipato le associazioni di categoria, i lavoratori e i sindacati. Una delegazione di manifestanti - tra cui lo stesso Negro, il segretario nazionale della Fisascat, Mirco Ceotto, e il presidente nazionale STS-FIT, Giorgio Pastorino - è stata poi convocata in tarda mattinata a un incontro con i rappresentanti della Regione. Alla riunione hanno partecipato Gianna Pentenero (assessora alla Formazione professionale), i consiglieri Angela Motta e Raffaele Gallo e il vicepresidente del Consiglio regionale, Antonino Boeti, oltre a 15 tra assessori e consiglieri tra cui il segretario PD Domenico Ravetti. È proprio da quest’ultimo, spiega Negro ad Agipronews, che è arrivato lo spunto più interessante: «Il vicepresidente ha proposto di istituire un tavolo di confronto con le associazioni e con i responsabili regionali del lavoro e della sanità. Un’idea che ci piace, e per la quale abbiamo chiesto anche la presenza del presidente Sergio Chiamparino». Negro esprime un cauto ottimismo: «I nostri interlocutori sono stati più ricettivi del solito. Abbiamo fatto presente che gli effetti della legge non sono ancora stati studiati, ma abbiamo ribadito che secondo noi - ma anche secondo la perizia disposta dal Consiglio di Stato sul caso Bolzano - le distanze minime non sono la soluzione giusta al problema della ludopatia, e anzi rischiano di peggiorarlo». Il rappresentante Astro conclude ribadendo ancora che «la legge regionale è diventata a tutti gli effetti proibizionismo, visto che il 90% degli apparecchi da gioco sul territorio di fatto è diventato fuorilegge, anche quelli installati prima della sua entrata in vigore». Il consigliere Angela Motta ha aggiunto: "Dal momento che non abbiamo ancora dati certi che dimostrino l'effettiva validità della legge lavoreremo a un emendamento che possa congelarne gli effetti in attesa di riscontri effettivi e certificati sulla situazione preesistente alla legge stessa". Nel corso dell'incontro hanno preso la parola anche David Valenzano e alcuni dipendenti di ADM Piemonte per raccontare la loro esperienza di lavoro nel settore.

LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie agipronews giochi slot casinò scommesse

Giochi, la settimana in un clic

22/03/2019 | 16:00   LUNEDI' 18 MARZO Giochi – Secondo quanto apprende Agipronews, le linee guida sullo stop alla pubblicità deciso dal decreto Dignità saranno all'ordine del giorno del Consiglio di Agcom nella prima...

888 Holdings

888 Holdings, Naama Kushinr nominata Chief operating officer

22/03/2019 | 15:25 ROMA - Naama Kushinr, vice presidente senior e capo delle risorse umane di 888 Holdings, è stata promossa dall’azienda a Chief operating officer. Kushinr ricoprirà il posto di Itai Paazner, il dirigente che da gennaio...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password