Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/08/2020 alle ore 19:00

Attualità e Politica

28/07/2020 | 09:52

Pnr 2020 e scostamento di bilancio, Bankitalia: "Servono progetti di riforma concreti per rilanciare l'economia"

facebook twitter google pinterest
Pnr 2020 scostamento bilancio Bankitalia

ROMA - «Per il nostro Paese inizia ora un percorso tutt'altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati» che «andranno attuati senza ritardi e inefficienze» per «rilanciare la crescita e la produttività dell'economia italiana». Lo ha detto il capo del Servizio Struttura economica della Banca d'Italia, Fabrizio Balassone, nel corso di un'audizione nelle Commissioni Bilancio di Camera e Senato, sulla nuova richiesta di scostamento e sul PNR 2020. La «sfida che attende il Governo e il Parlamento è di dare contenuto attuativo alle indicazioni contenute nel Pnr, garantendo efficacia, efficienza e rapidità degli interventi», ha spiegato.
Tra gli obiettivi prioritari del Governo, si legge nel Programma Nazionale di riforma (PNR), c'è «la riduzione del divario tra gettito teorico e gettito effettivo, il "tax gap"», da perseguire attuando le misure introdotte dall'ultimo Decreto Fiscale (che ha anche «rafforzato gli strumenti di contrasto all'evasione e all'illegalità nel settore dei giochi») e «attraverso un continuo miglioramento dell'analisi e dell'utilizzo dei dati a disposizione, accelerato dai recenti provvedimenti normativi volti al potenziamento degli organici delle Agenzie fiscali».

Le linee di intervento tracciate nel PNR 2020 «individuano obiettivi da tempo al centro del dibattito di politica economica. La lista degli interventi è lunga» e «l'impegno finanziario non è quantificato, ma sarà estremamente rilevante: sarà cruciale impiegare le risorse in maniera efficace», ha spiegato Balassone.
Da maggio si osservano primi segnali di miglioramento del Pil, «ancora parziali. Valutiamo che il recupero proseguirà a giugno» ma, sulle prospettive economiche dei prossimi mesi «grava un'incertezza elevata, riflesso di quella che riguarda la possibile evoluzione della pandemia», ha continuato. Nei prossimi mesi, ha concluso Balassone, bisognerà «spostarsi dalla gestione degli effetti di breve periodo della crisi alla progettazione di interventi volti a rendere l'economia italiana più resiliente e sostenibile, in grado di crescere a ritmi più sostenuti. Altrimenti, esaurito il sollievo temporaneo» delle misure di emergenza varante negli ultimi mesi, come il Dl Cura Italia e il Dl Rilancio, «le condizioni macroeconomiche e finanziarie del Paese non potrebbero che peggiorare».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password