Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/04/2020 alle ore 19:03

Attualità e Politica

26/02/2020 | 10:03

Proroga concessioni bingo, gli operatori alla Corte Costituzionale: "Condizioni insostenibili per il settore"

facebook twitter google pinterest
Proroga concessioni bingo gli operatori alla Corte Costituzionale: Condizioni insostenibili per il settore

ROMA - L’importo dovuto dai concessionari del bingo in regime di proroga è stato incrementato senza accertamenti sulla effettiva sostenibilità dei versamenti e senza nessuna certezza sulla nuova gara per l’affidamento delle nuove concessioni. Così gli operatori di settore nell'udienza di oggi in Corte Costituzionale, dove sono tornate in primo piano le disposizioni contenute nella legge di stabilità 2018 sulla proroga delle concessioni. La norma approvata a fine 2017 - rinviata dal Tar Lazio alla Consulta lo scorso anno - prevedeva l’aumento da 5.000 a 7.500 euro dei versamenti dovuti dai concessionari ogni mese (e da 2.500 euro a 3.500 euro per ogni frazione di mese inferiore ai quindici giorni). Nello stesso provvedimento veniva fissata la scadenza - il 30 settembre 2018 - entro cui sarebbe dovuta partire la nuova gara.

«Alle condizioni imposte dalla legge di stabilità 2018 era impossibile valutare le convenienza del regime di proroga - hanno sostenuto i legali degli operatori del bingo - Le condizioni previste dalla manovra non hanno permesso neanche di valutare possibili alternative economiche. Fermare l’attività avrebbe significato l’espulsione dal marcato a tempo indeterminato, vista la completa assenza di certezze sull’avvio della nuova gara».

LL/Agipro

Gli operatori: "Situazione senza uscita, il mercato è stato alterato"

Operatori chiedono rinvio a Corte Ue del regime di proroga

L'Avvocatura di Stato: "Aumento del canone rappresenta il 6,6% del ricavo medio delle aziende"
 

 

 

 

 

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password