Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/06/2021 alle ore 20:40

Attualità e Politica

19/05/2021 | 09:54

Riapertura sale giochi il 1° luglio, le associazioni di settore e i sindacati al Governo: "Ripresa immediata delle attività e supporto alla liquidità delle imprese, migliaia di posti di lavoro a rischio"

facebook twitter pinterest
Riapertura giochi luglio associazioni settore Governo

ROMA - «Il Governo, assieme alle Giunte e ai Consigli regionali e delle province autonome, mostri chiaramente l'intenzione di rinnovare la scelta di controllo pubblico sull'offerta di giochi a larga diffusione, come le scommesse, il Bingo e gli apparecchi da intrattenimento, riconoscendo la validità dei protocolli di prevenzione di settore, consentendo l'immediata riapertura delle attività e intervenendo concretamente a supporto della liquidità e della continuità delle imprese che conducono questi servizi pubblici, tutelando e relativi posti di lavoro». È quanto si legge in un documento firmato da Acadi-Confcommercio, Astro-Confindustria, Egp-Fipe, Sistema Gioco Italia-Confindustria, Fiegl-Confesercenti, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UilTucs, dopo la decisione del Governo di rinviare la riapertura delle attività di gioco al 1° luglio. «In assenza di questa chiara scelta politica, si prepari ad affrontare la restituzione di larga parte dei giochi in denaro all'economia sommersa e alla criminalità organizzata, depauperando il patrimonio di esperienze aziendali, di professionalità di migliaia di lavoratori e di opportunità di tutela di milioni di consumatori». Le associazioni e i sindacati ricordano «che il comparto ha subito rilevanti effetti economici negativi fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria poiché le aziende sono state costrette, già dai primi provvedimenti Regionali e Governativi, alla chiusura. La totale interruzione delle attività ad oggi per 11 mesi su 15 (da marzo 2020 a maggio 2021) ha determinato la cancellazione di oltre il 90% dei ricavi delle aziende, a fronte della permanenza di ingenti costi fissi per il mantenimento delle strutture di funzionamento delle concessioni».
«Le accurate procedure di prevenzione dei rischi Covid adottate dalle aziende consentono sin da subito un riavvio delle attività, in allineamento a quelle di molti altri settori dell'intrattenimento, del tempo libero e della ristorazione, che si prevede di autorizzare anche in ambienti chiusi», continuano le associazioni del settore e i sindacati nel documento. «Il mancato riavvio delle attività, unito alla perdurante assenza di supporti alla continuità dei servizi di raccolta dei giochi regolamentati, con la sicura crisi finanziaria di molte aziende di settore, in condizioni di ulteriore difficoltà di accesso al credito, costituiscono un inevitabile presupposto al default progressivo di larga parte del sistema di raccolta controllata delle scommesse, del bingo e degli apparecchi da intrattenimento», continuano. «A tale stato di crisi della maggior parte delle aziende del comparto, con l'interruzione di attività di centinaia di sale, anche in ragione delle irrazionali limitazioni introdotte da numerose amministrazioni regionali e locali, non potrà che far seguito, nei prossimi mesi, una rilevantissima perdita dei posti di lavoro, nell'ordine delle decine di migliaia».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password