Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/09/2018 alle ore 13:20

Attualità e Politica

24/08/2018 | 10:45

Salerno, giochi online su siti illegali: il commercialista del clan a processo

facebook twitter google pinterest
Salerno giochi online processo

ROMA -  Gioco online e d'azzardo su piattaforme illegali, senza autorizzazione: finisce a processo un commercialista di San Valentino Torio, in provincia di Salerno. Secondo le accuse della Procura Antimafia, che ha già mandato a giudizio 50 imputati, l'uomo avrebbe supportato le attività criminali del «sodalizio» capeggiato dalla famiglia di Pagani di Antonio Contaldo, ad eludere le disposizioni di legge in materia di prevenzione patrimoniale, permettendogli così di poter sfruttare i proventi derivanti da attività illecite. L'inchiesta, che contesta anche il metodo mafioso, caduto in sede di Riesame, ebbe il suo sviluppo nel 2016, con il sequestro di 23 esercizi commerciali e 18 arresti. Contaldo, insieme a fratelli, figli e familiari, avrebbe gestito diverse piattaforme e canali online per la raccolta delle scommesse   clandestine, creandone anche di proprie. Le indagini della Finanza ricostruirono contatti e rapporti con soggetti residenti in Basilicata e Calabria, oltre che a Salerno, dove per sviluppare e imporre le proprie piattaforme di gioco avrebbe beneficiato di rapporti con pregiudicati dell'Agro e dell'Imo. Le piattaforme, in questo caso, venivano alterate impedendo ai giocatori di conseguire vincite apprezzabili. Soldi e profitti di quel giro venivano poi investiti. La posizione del commercialista, accusato di aver gestito alcuni dei soldi provenienti dalle scommesse illegali, era stata trattata a parte. Per lui il processo partirà il prossimo 18 settembre, dinanzi al tribunale di Nocera Inferiore. La maxi inchiesta del sostituto procuratore Giancarlo Russo contesta tra i tanti reati, quella dell'associazione a delinquere.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

campione d'italia ministero dipendenti udienza

Campione d'Italia, Roma non salva i dipendenti del Comune

26/09/2018 | 13:20 ROMA - C'è stata attenzione, ma è mancata la soluzione. L'incontro romano di ieri tra la delegazione del pubblico impiego di Campione d'Italia e una commissione del Ministero dell'Interno si è risolto...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password