Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/02/2023 alle ore 14:07

Attualità e Politica

30/11/2022 | 17:51

Scommesse, Sacchetti (esperto fiscalità Giochi e Scommesse): "Estensione della tassazione sul margine possibile solo con intervento del legislatore"

facebook twitter pinterest
Scommesse Sacchetti (esperto fiscalità Giochi e Scommesse): Estensione della tassazione sul margine possibile solo con intervento del legislatore

ROMA - La riforma della fiscalità dei giochi "può ammettere una tassazione del margine che deve essere orientata verso i giochi bilaterali, come le scommesse a quota fissa: si può pensare a una tassazione sul margine, ma solo il legislatore - con una riscrittura delle norme - può risolvere i problemi", Così Lorenzo Sacchetti, esperto fiscalità Giochi e Scommesse e co autore del libro "Giochi e Scommesse" insieme a Lamberto Mattei e Stefano Riccardi, nel corso del convegno su sport e scommesse in corso alla Camera. "Bisogna dividere tra giochi bilaterali e plurilaterali", spiega. "Il gioco bilaterale è quello, ad esempio, delle scommesse a quota fissa. Nei giochi plurilaterali, invece, tutti i partecipanti mettono una posta che confluisce in un fondo che poi viene ripartito, ad esempio il SuperEnalotto".    Sul tema della riformulazione normativa, Sacchetti è convinto che non si può "che tener conto dei principi costituzionali e delle direttive europee. Le problematiche che coinvolgono il gioco derivano dall'approvazione di vario genere e che non si sono coordinate con la disciplina generale", prosegue. Infine una riflessione sull'esigenza di riforma del settore che parte "da lontano, già nel 2004. La frammentazione della regolamentazione è nota. Tutto questo ha avuto effetti anche sulla disciplina tributaria, tanto che di volta in volta si è cercato di trovare una soluzione senza tener conto di una visione generale del sistema", come testimonia "la vicenda del Preu, che in origine non voleva essere una imposta: la Corte Costituzionale ci dice che il Preu ha natura fiscale, più recentemente la Cassazione ha messo in luce che i proventi derivanti dal gioco con le comma 6 hanno natura pubblica causando così un corto circuito", conclude.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password