Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/12/2018 alle ore 20:25

Attualità e Politica

15/11/2018 | 16:23

Scommesse illegali, gip Bari: i Martiradonna erano pronti a fuggire all'estero

facebook twitter google pinterest
Scommesse illegali Bari Martiradonna

ROMA - Il pregiudicato Vito Martiradonna e i suoi tre figli erano «pronti ad intraprendere un periodo di latitanza all'estero». I presunti capi dell'organizzazione mafiosa con base logistica a Bari, accusati di aver creato un sistema transnazionale di scommesse illegali online stringendo accordi con gruppi malavitosi in Sicilia, Campania e Calabria, avevano progettato di fuggire per evitare eventuali arresti, in Spagna o in Sud America. È quanto emerge dagli atti dell'indagine della Dda di Bari che ieri ha portato all'arresto di 22 persone, alcune ancora ricercate come Tommy Parisi, il figlio cantante del boss barese Savinuccio. Secondo il gip che ha disposto gli arresti, Giovanni Anglana, i Martiradonna, Vitin l'Enèl, ex cassiere del clan Capriati di Bari, e i suoi figli Michele, Francesco e Mariano, erano «pronti a darsi alla fuga per sottrarsi a provvedimenti coercitivi restrittivi», disponendo «all'estero, anche in paesi extracomunitari, di enormi risorse economiche, abitazioni, aziende, contatti» e «potendo contare su numerosi fiancheggiatori». Le indagini della Guardia di Finanza, coordinate dai pm Renato Nitti e Giuseppe Gatti, hanno accertato almeno cinque proprietà immobiliari in Florida e in Inghilterra. «Ormai da questi ti puoi aspettare di tutto, quindi non penso che ci siano assai soluzioni, tranne fare le valigie e andarsene», dice in una intercettazione il figlio di Vito Martiradonna, Francesco, riferendosi agli investigatori che avevano eseguito alcune perquisizioni domiciliari. Vitin l'Enèl si era procurato anche una carta d'identità in bianco senza fotografia, per «creare - scrive il gip - una falsa identità per favorirne la fuga all'estero» e aveva anche un piano B. Aveva infatti «creato i presupposti per invocare, in caso vi fosse bisogno, uno stato di infermità» con una «finta malattia» documentata da periodiche visite mediche. Questa mattina si sono celebrati nel carcere di Bari i primi due interrogatori di garanzia. Dinanzi al gip, Vito e Francesco Martiradonna si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password