Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/09/2021 alle ore 19:01

Attualità e Politica

22/06/2021 | 13:44

Videogiochi, Borgonzoni (sottosegr. Cultura): "Settore chiave per l'occupazione, al lavoro su bando per le imprese"

facebook twitter pinterest
Videogiochi Borgonzoni Cultura bando imprese

ROMA - L'industria dei videogiochi può «essere un grande strumento anche per creare posti di lavoro nel nostro Paese. Sto lavorando, per quanto riguarda il Pnrr, nelle imprese creative, anche per riuscire a fare un bando riguardante tutte le imprese legate ai videogiochi, proprio per la centralità e l'importanza che penso che abbiano». Lo ha detto la sottosegretaria per la Cultura, Lucia Borgonzoni, rispondendo all'interrogazione di Federico Mollicone (Fratelli d'Italia) che sottolineava che «il decreto attuativo relativo al credito di imposta per le imprese di produzione di videogiochi non ha ancora visto la luce» e chiedeva di «adottare le iniziative di competenza per emanare quanto prima il provvedimento», per «garantire un supporto alle imprese del settore colpite dagli effetti della contrazione economica». L'iter del decreto attuativo sulle disposizioni applicative del credito di imposta per le imprese di produzione di videogiochi è stato «particolarmente complicato e complesso, anche a causa della peculiarità del settore interessato», ma «risulta ormai sostanzialmente completato», ha risposto la sottosegretaria.
L'industria «vale più di 2 miliardi nel contesto nazionale, ma ha subito una netta contrazione dei ricavi proprio a causa della drastica riduzione dei già limitati investimenti esteri e delle commesse per i videogiochi non commerciali da parte dei committenti pubblici e privati», ha ribadito Mollicone. «Riteniamo, quindi, sia importante porre anche un'attenzione maggiore agli sport in crescita esponenziale, sia per attrarre grandi eventi internazionali, sia per facilitare l'apprendimento delle materie STEM, focus per la competitività nazionale». In passato, «proponemmo di riconoscere gli sport elettronici che facessero riferimento ai valori della Carta olimpica. Ora, dopo la notifica, bisogna assicurarsi che la misura possa diventare operativa al più presto».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password