Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/11/2018 alle ore 08:50

Attualità e Politica

05/06/2018 | 12:57

Astro, una lettera alle istituzioni piemontesi: “Rivedere la legge regionale, non riduce il gioco e abbatte l'occupazione”

facebook twitter google pinterest
astro piemonte legge lettera

ROMA - L'avvio di una modifica alla legge regionale sui giochi, «eventualmente allestendo anche un preliminare tavolo di confronto tecnico con le categorie». È quanto chiede l'associazione di gestori Astro in una lettera indirizzata al Consiglio Regionale e alla Giunta Regionale del Piemonte. Nell'ambito di questo processo di modifica, continua Astro, il confronto potrebbe avvenire su «un eventuale prodotto “awp tutor”, in grado di elevare la sicurezza del gioco, recependo le indicazioni dettate in merito dall'Osservatorio Nazionale sul Gioco d'Azzardo Patologico».

Nel mirino dell'associazione, la normativa antiludopatia piemontese, in base alla quale, a partire dal 20 novembre scorso, è stata drasticamente ridotta la presenza di apparecchi di gioco sul territorio. In un incontro tenuto il 14 maggio scorso con alcuni rappresentanti del Consiglio Regionale, Astro ha analizzato i dati di raccolta forniti dai Monopoli, evidenziando «una modesta flessione del volume di giocate», risultante da un cospicuo calo del volume di gioco delle slot e da un parallelo, corposo aumento di altri giochi. A questo quadro, che penalizza solo una parte del settore, vanno aggiunti secondo Astro due ulteriori profili: da un lato, il gioco frontaliero «ovvero la spesa di gioco che i piemontesi hanno iniziato a “distribuire” sulle regioni confinanti». Dall'altro, il gioco illecito, in grande aumento. A tale proposito, la lettera cita un caso di evasione accertata dalla GdF, pari a 780 mila euro, ad opera di un bar di Torino in cui erano state installate sei slot illegali a inizio 2018.

La legge è quindi inefficace, perché non comporta un reale risparmio di spesa da parte della popolazione. In più, sta provocando «una sostanziale implosione dei soggetti economici sui quali incide», con pesanti ricadute occupazionali. 

Nella consapevolezza che l'appello a rivedere la legge potrebbe non essere accolto, Astro chiede all'istituzione regionale almeno una soluzione proprio per i citati problemi occupazionali, «conseguenti alle inevitabili implosioni aziendali».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password