Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/10/2017 alle ore 20:35

Attualità e Politica

15/06/2017 | 16:08

Bando Lotto in Corte Ue, le precisazioni dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

facebook twitter google pinterest
bando lotto corte giustizia europea monopoli risposta stanley

ROMA -  L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli seguirà la vicenda del bando per la gestione del lotto presso la Corte di Giustizia Europea, “convinta che riuscirà a dimostrare l’assoluta legittimità della norma che il Consiglio di Stato ha inteso sottoporre all’analisi del giudice comunitario”. È quanto si legge in una nota dell’Amministrazione dopo l’annuncio, da parte di Stanley, del rinvio in Corte Ue della vicenda. “La vertenza non riguarda e non può riguardare il servizio in concessione del gioco del Lotto - sottolineano i Monopoli -  Questo gioco non è inoltre prerogativa di un unico operatore, come anche si è sostenuto, poiché, in realtà, viene esercitato direttamente dallo Stato: il margine derivante dal gioco rappresenta una entrata erariale che affluisce direttamente al bilancio dello Stato; la raccolta è affidata a circa 33 mila punti vendita concessionari dello Stato, che per legge possono essere costituiti esclusivamente da rivenditori di generi di monopolio”.

 

La gara di cui si discute, si legge ancora, “ha avuto a oggetto soltanto il servizio automatizzato del Lotto, vale a dire il servizio di collegamento informatizzato dei concessionari della raccolta al fine, tra l’altro, della rendicontazione delle giocate e del pagamento delle vincite. Il Consiglio di Stato non ha espresso alcun giudizio né in ordine alla legittimità del modello mono-providing della concessione del servizio automatizzato, né in ordine ai requisiti qualificanti o all’importo della base d’asta. Ha semplicemente ritenuto che le questioni comunitarie formulate dalla parte appellante siano suscettibili di rinvio alla Corte di Giustizia UE”.

 

Inoltre, conclude la nota, “lo svolgimento del Gioco del Lotto al di fuori della rete dei ricevitori autorizzati costituisce un reato, una violazione delle norme fiscali sulla ritenuta alla fonte e una violazione delle norme contabili sulla resa del conto, di competenza della Corte dei Conti. Offrire scommesse sull’uscita dei numeri del Lotto equivale a raccogliere gioco in modo parallelo e illegale, evadendo le imposte dovute e le norme sulla rendicontazione contabile”. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password