Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/07/2018 alle ore 20:33

Attualità e Politica

06/06/2018 | 15:50

Bando Lotto in Corte Ue, Agnello (avv. Stanleybet): “Gara in contrasto con principi di trasparenza e proporzionalità”

facebook twitter google pinterest
bando lotto corte ue stanleybet agnello

ROMA - «Oggi abbiamo sostenuto e dimostrato che una disposizione che impone la decadenza dalla concessione per “ogni ipotesi di reato per il quale sia stato disposto il rinvio a giudizio e che l’Amministrazione valuti tale da far escludere l’affidabilità, la professionalità e l’idoneità morale del concessionario” è in contrasto con i principi di trasparenza, certezza del diritto e proporzionalità». Così l’avvocato Daniela Agnello al termine dell’udienza in Corte di Giustizia Ue dove è stato discusso il caso sollevato da Stanleybet, rappresentata dall’avvocato, contro il bando del lotto del 2016. «Tale clausola - continua l’Agnello - è formulata con una tale ambiguità, genericità e imprecisione, da rendere del tutto imprevedibili le circostanze che potranno determinarne la decadenza ed espone i concessionari a incertezza, favoritismo e arbitrarietà».
«Abbiamo risposto alle domande e ai chiarimenti richiesti dalla Corte e dall’Avvocato generale», ribadendo «la portata escludente della clausola che prevede la decadenza per circostanze non chiare, non precise e non univoche, insieme al modello mono-concessionario, e alle misure deterrenti e sproporzionate previste nel bando di gara, come la base d’asta di 700 milioni di euro», conclude l’avvocato. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password