Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 01/12/2020 alle ore 21:22

Attualità e Politica

13/11/2020 | 18:22

Bozza Legge di Bilancio 2021, canone concessione Bingo scende a 2800 euro mensili: “Settore in difficoltà economiche e occupazionali”

facebook twitter google pinterest
bozza legge bilancio 2021 canone bingo

ROMA - Cambiano le condizioni per le proroghe onerose del Bingo: i concessionari potranno versare 2800 euro al mese - invece di 7500 - per continuare ad operare. E’ quanto prevede la bozza della Legge di Bilancio 2021, che Agipronews ha potuto visionare, all’articolo 191. La misura, che si spiega con la profonda crisi del settore dovuta alla pandemia, varrà “A decorrere dalla prima scadenza successiva alla riapertura delle sale Bingo, come consentita dai provvedimenti degli Enti locali competenti per territorio adottati nei mesi di giugno e luglio 2020, e fino alla scadenza del termine per il versamento relativo al mese di maggio 2021”. Gli oneri per la finanza pubblica previsti dalla disposizione sono pari a 3,1 milioni di euro per l’anno 2020 e 1,7 milioni per il 2021. L’intervento legislativo – è scritto nella relazione illustrativa - mira a consentire la postergazione e la rateizzazione del pagamento di una parte dell’importo del canone mensile dovuto dai soggetti titolari delle concessioni per l’esercizio del gioco del Bingo, tenuto conto “delle difficolta economiche in cui versa il settore, consentendo ai concessionari di far fronte all’emergenza di tipo finanziario prodottasi, evitando, altresì, importanti ricadute anche sui livelli occupazionali”. Al contempo la norma mira “a prevenire possibili iniziative di contenzioso” da parte di concessionari interessati a ottenere pronunce analoghe a quelle adottate dal Consiglio di Stato e dal Tar Lazio con le quali 44 concessioni su 195 sono state autorizzate a versare l’importo di euro 2.800 mensili e, per la parte restante e fino alla copertura dell’intero ammontare del canone previsto dalla vigente normativa (pari a 7.500 euro), devono prestare ulteriore fideiussione bancaria o assicurativa rispetto alla cauzione già prestata a garanzia degli obblighi convenzionali. Le ordinanze amministrative, conclude la relazione tecnica, sono state emesse in attesa della pronuncia della Corte Costituzionale sulla questione di legittimità costituzionale relativa alla norma che ha aumentato l’importo del canone mensile per la proroga delle concessioni Bingo da 5.000 a 7.500 euro. La bozza contiene anche alcune modifiche tecniche al registro degli esercenti. La più rilevante prevede che “Al fine di consentire la necessaria informazione sulla effettiva iscrizione al Registro dei singoli operatori del gioco pubblico, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli pubblica sul proprio sito istituzionale i dati identificativi degli iscritti e l’indirizzo degli esercizi ove viene effettuata la raccolta di gioco”. Il Governo ha dunque accolto una delle richieste presentate dal Dg dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Minenna, nel corso di una recente audizione parlamentare.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password