Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/10/2018 alle ore 12:29

Attualità e Politica

23/05/2018 | 16:48

Casinò di Campione, per il Tribunale legittimo il sequestro dei documenti, ma il reato di peculato resta da dimostrare

facebook twitter google pinterest
casino campione tribunale

ROMA - Nuova tappa nella delicata vicenda relativa al mancato o tardato versamento di 1,4 milioni di franchi svizzeri dal Casinò di Campione d'Italia al Comune dell'enclave. Il Tribunale del Riesame di Como ha confermato la legittimità dei sequestri probatori avvenuti alla fine di novembre del 2017, nell'ambito dell'indagine coordinata dal sostituto procuratore Pasquale Addesso e che coinvolge il vecchio cda del Casinò, nonché alcuni esponenti dell'amministrazione comunale. 

Il sequestro però non riguarda i beni degli indagati, come erroneamente affermato oggi da alcuni organi di informazione, ma solo documentazione. Il prossimo passo sarà cercare di stabilire se un mancato pagamento del “fee” al Comune configuri il reato di peculato anche se l'ammontare, come sostengono gli indagati, sia stato utilizzato per le spese di gestione del Casinò (peraltro detenuto al 100% dallo stesso Comune). 

L'ipotesi di peculato è stata recentemente stoppata dalla Corte di Cassazione, che ha accolto i ricorsi presentati dai legali dell’ex amministratore delegato della casa da gioco, Carlo Pagan, dal segretario generale del Comune, Gianpaolo Zarcone e dalla Casinò di Campione s.p.a. Per i giudici supremi «l’obbligo di custodia» della cifra in questione, stabilito da una Convenzione del 2014, non presuppone «l’altruità del bene», elemento fondamentale per contestare il reato di peculato. La Cassazione ha quindi rinviato la decisione sulla legittimità o meno dei sequestri al Tribunale del Riesame di Como. Legittimità che il Tribunale ha confermato, decidendo di approfondire le indagini.

MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse illegali Enna multa

Scommesse illegali in provincia di Enna, multa da 50mila euro

15/10/2018 | 09:10 ROMA - Non aveva alcuna autorizzazione, ma accettava scommesse utilizzando un bookmaker estero che però non poteva operare in Italia: il gestore di una sala di Aidone, in provincia di Enna, è stato denunciato e nei suoi...

Giochi Umbria No Slot sindaci

Giochi, Umbria: consegnato il marchio No Slot ai sindaci

13/10/2018 | 17:00 ROMA - L’assessore regionale alla Salute, Luca Barberini, ha consegnato il marchio “Umbria No Slot” ai sindaci dei Comuni umbri che avranno il compito di assegnarlo ai locali in possesso dei requisiti previsti dalla...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password