Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/10/2019 alle ore 21:25

Attualità e Politica

08/10/2019 | 10:30

Scommesse, Cassazione "stanga" gestore siciliano: condannato per appropriazione indebita

facebook twitter google pinterest
cassazione scommesse appropriazione indebita

ROMA - La Corte di Cassazione ha confermato la condanna per il gestore di una sala scommesse in provincia di Palermo, accusato di appropriazione indebita dal Tribunale di Marsala e dalla Corte di Appello del capoluogo siciliano. L'esercente si era appropriato «delle attrezzature audiovisive e informatiche installate presso la
propria ricevitoria di scommesse», di cui aveva la disponibilità grazie al contratto stipulato con il bookmaker di riferimento, «nonché delle somme di denaro costituenti il profitto» di tre mesi di attività, «non trasmessi alla società». La Cassazione rileva che il ricorso è «l'esatta copia dell'atto di appello», già bocciato dalla Corte palermitana: le indagini, in particolare, hanno rilevato che l'imputato non aveva restituito le attrezzature e la somma sottratta neanche su richiesta del bookmaker, contravvenendo a quanto previsto al contratto. Il ricorso è stato quindi dichiarato inammissibile. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie agipronews giochi slot scommesse de siervo manovra

Giochi, la settimana in un clic

18/10/2019 | 16:32 LUNEDI' 14 OTTOBRE Politica e giochi - Certamente le leggi regionali vanno impugnate nel momento in cui non tutelano la salute pubblica. Mi sto attivando perché la legge regionale del Veneto sul gioco possa essere impugnata...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password