Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/10/2018 alle ore 20:37

Attualità e Politica

11/10/2018 | 11:38

Consiglio di Stato, esercenti contro "distanziometro" in Emilia Romagna: “Impossibile continuare l’attività”

facebook twitter google pinterest
consiglio di stato giochi distanze emilia romagna

ROMA - La distanza minima di 500 metri dai luoghi sensibili, prevista dalla legge regionale dell’Emilia Romagna, rende impossibile gestire le attività di gioco lecito. Gli operatori di gioco tornano ad appellarsi in Consiglio di Stato contro le modalità applicative previste dalla legge regionale sul gioco patologico del 2013. Il provvedimento approvato a giugno 2017 dalla Giunta ha reso operativo il divieto di apertura e di esercizio delle sale da gioco e la nuova installazione di slot a una distanza inferiore di 500 metri da scuole, luoghi di aggregazione giovanili e di culto. Nella camera di consiglio di oggi, il gestore di una sala scommesse di San Mauro Pascoli (in provincia di Forlì-Cesena) ha dunque impugnato il provvedimento regionale e quello comunale che ha disposto la chiusura del locale: «Si tratta dell’unica sala scommesse del Comune - ha spiegato la difesa del ricorrente - L’unica opzione concessa sarebbe il trasferimento nella zona industriale, dove però le possibilità di continuare l’attività sarebbero minime». Nel corso dell’udienza i legali del ricorrente hanno chiesto - oltre alla sospensione dei provvedimenti impugnati - di sollecitare il Tar Emilia Romagna per la fissazione dell’udienza di merito. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password