Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/09/2020 alle ore 20:36

Attualità e Politica

16/09/2020 | 13:20

Crisi Covid, De Bolle (Europol): "Partite fantasma durante il lockdown, scommesse online nel mirino del crimine"

facebook twitter google pinterest
covid europol scommesse

ROMA - «I fondi costituiti dai paesi sono già presi di mira dalle organizzazioni e prevediamo lo saranno ancora di più». Così Catherine De Bolle, direttore esecutivo di Europol, nel corso la riunione del gruppo di lavoro a Roma sulle minacce criminali correlate all'emergenza Covid 19, alla quale partecipano i rappresentanti di 10 paesi europei, Interpol ed Europol. Secondo De Bolle, si sta già registrando a livello europeo un «incremento delle infiltrazioni nell'economia» da parte delle organizzazioni criminali e per questo - ha spiegato De Bolle - è fondamentale che i paesi comprendano che le mafie hanno puntato i fondi stanziati per il Recovery Fund; ha inoltre sottolineato come Europol abbia già chiesto agli Stati membri di monitorare con attenzione i finanziamenti. Diversi i settori nei quali si sono già registrati segnali di allarme: dalla vendita dei prodotti sanitari, alle donazioni destinate alle organizzazioni sanitarie, dai fondi stanziati per far fronte alla disoccupazione alle scommesse on line. Su queste ultime la numero uno di Europol ha evidenziato come la chiusura delle attività sportive «ha avuto un impatto dirompente sulle scommesse, ma la criminalità ha inventato finte partite su siti web per realizzare guadagni». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password