Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/12/2018 alle ore 12:25

Attualità e Politica

26/07/2018 | 08:20

Decreto Dignità, Gelmini (FI): "Gioco demonizzato, ma si continua a fare cassa con l'aumento del prelievo"

facebook twitter google pinterest
decreto signità gelmini gioco

ROMA - Per quanto riguarda la copertura finanziaria del decreto Dignità, «si rileva una contraddizione alquanto evidente: mentre il gioco d'azzardo viene "demonizzato", e l'impegno nel contrasto alla ludopatia trova grande spazio nel testo, sullo stesso gioco si continua a contare per fare cassa». E' quanto si legge nel testo della questione pregiudiziale sul decreto Dignità, a prima firma di Mariastella Gelmini (FI), respinta ieri dalla Camera. «Dall'aumento del Preu, il prelievo erariale unico su slot machine e vlt, si creerebbe infatti un maggior gettito di oltre 200 milioni di euro l'anno. Nello specifico 195,5 per il 2019 e 234 per il 2020, come specificato dalla relazione tecnica, che spiega come le maggiori entrate in questione coprirebbero gli oneri derivanti dall'introduzione del divieto di pubblicità. Nel testo si evince infatti come dallo stop alla pubblicità dei giochi ci sarebbe dal 2019 una perdita di gettito di 200 milioni», sottolinea.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password