Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/09/2020 alle ore 20:36

Attualità e Politica

11/08/2020 | 09:00

Gioco online, l'Egba alla Commissione Ue: "Introdurre testo specifico e unico per garantire la sicurezza dei consumatori"

facebook twitter google pinterest
egba gioco online commissione ue

ROMA - L'introduzione di un testo specifico e unico sui diritti dei giocatori online garantirebbe «un alto livello di protezione per i consumatori» e aumenterebbe «trasparenza e certezza del diritto» oltre a termini contrattuali equilibrati. È quanto sostiene la European Gaming and Betting Association (Egba) - associazione che riunisce le principali società di gioco online in Europa - nel parere presentato alla Commissione europea in vista della pubblicazione della nuova agenda dei consumatori, che verrà adottata entro la fine dell'anno. La Commissione ha avviato una consultazione pubblica per raccogliere indicazioni, una "roadmap" a cui ha partecipato anche l'Egba. «Nonostante la natura transfrontaliera del gioco online, i giocatori non sono ugualmente protetti in tutta l'Ue, poiché ogni Stato membro è responsabile dello sviluppo delle proprie regole», scrive l'associazione. L'Egba ricorda che solo uno stato ha adottato in pieno la raccomandazione della Commissione Ue del 2014 sui principi per la protezione dei giocatori; solo sei paesi, inoltre, hanno elaborato regole specifiche per tutelare i minori dalla pubblicità sul gioco. «La mancanza di coerenza normativa mette a rischio la sicurezza dei giocatori online, perché li espone ai siti web non regolamentati e non sicuri del mercato nero, che trae vantaggio a scapito dell'economia europea - continua l'associazione - Ci sono regole semplici da proporre per garantire che giocatori, minori e consumatori a rischio siano ugualmente protetti». Ad esempio, i giocatori autoesclusi «potrebbero beneficiare di un registro europeo di autoesclusione, che proibirebbe l'accesso a qualsiasi sito web regolamentato dell'Ue». 

Punto cruciale sono anche le norme incoerenti sulla protezione dei minori da marketing e pubblicità sul gioco: «Egba ha recentemente pubblicato un codice di condotta europeo per stabilire requisiti minimi sulla pubblicità responsabile - ricorda l'associazione - Una maggiore cooperazione normativa tra gli Stati membri può anche facilitare il dialogo per raggiungere l'armonizzazione». In questo senso la European Association critica «lo scioglimento del gruppo di esperti europei per il gioco d'azzardo online, poiché le autorità nazionali di regolamentazione del gioco d'azzardo si sono private dell'opportunità di un incontro e di uno scambio di informazioni nel quadro di una piattaforma comune». In vista della nuova agenda europea dei consumatori, conclude l'Egba, «riteniamo che l'introduzione di un insieme unico e specifico di diritti dei consumatori applicati al settore del gioco online garantirà un alto livello di protezione per i consumatori, aumenterà la trasparenza e la certezza del diritto, porterà a termini contrattuali equilibrati ed equi e una maggiore sicurezza complessiva per il giocatore».  LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password