Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/08/2020 alle ore 19:02

Attualità e Politica

10/07/2020 | 17:52

Giochi, la settimana in un clic

facebook twitter google pinterest
giochi agipronews notizie settimana scommesse

LUNEDI' 6 LUGLIO

Entrate tributarie, effetto Covid – Nel periodo gennaio-maggio 2020 le entrate totali relative ai giochi hanno accusato un calo del 41% rispetto all'anno scorso. È quanto emerge dal report del Ministero delle Finanze. I dati, si legge, «hanno naturalmente risentito della sospensione dei giochi a partire dalla fine dei concorsi del 21 marzo 2020». 

 

MARTEDI' 7 LUGLIO

Torna il Derby – Dopo un periodo molto critico, dovuto allo stop sanitario, ma anche all'acuirsi di alcuni problemi storici, la grande ippica torna a proporre uno dei suoi appuntamenti più ricchi di gloria: il Derby Italiano di Galoppo, a Capannelle. La data fissata è il 12 luglio. 

Ecco il “6” - Secondo “6” del 2020 per il SuperEnalotto, dopo quello di gennaio. La schedina vincente è stata giocata a Sassari. Il Jackpot è di circa 59 milioni di euro, da cui ne vanno tolti dodici, per effetto della “tassa sulla fortuna”.

 

MERCOLEDI' 8 LUGLIO

Bingo out a Bolzano – Finisce nel mirino degli operatori del bingo l'amministrazione provinciale di Bolzano, segnalata dai concessionari del settore alla Corte dei Conti per la mancata riapertura delle sale e per il possibile «danno erariale» causato dal blocco prolungato delle attività di gioco. A chiedere di valutare eventuali responsabilità è l'Associazione Nazionale Concessionari Bingo (Ascob) nell'esposto presentato alla Procura regionale del tribunale contabile. 

 

GIOVEDI' 9 LUGLIO

Protesta a Bari – Sit-in di protesta a Bari per l’esclusione delle aziende di gioco da alcuni finanziamenti regionali stanziati per l’emergenza Covid-19. Così Biondo (Astro): «La nostra è una battaglia di civiltà per il riconoscimento del settore».

Decreto Dignità, le cifre di un fallimento - Centocinquanta milioni tra pubblicità e sponsorizzazioni sportive in fumo, duecento milioni di introiti erariali – stimati dal ministero dell’Economia – andati perduti, la certificazione dell’Istituto Superiore di Sanità (secondo cui l’80% dei giocatori non è spinto dalla pubblicità) sul mancato rapporto di causa-effetto tra advertising e propensione al gioco, la sempre maggior difficoltà nel comunicare ai consumatori la differenza tra gioco legale e non legale. Il bilancio del Decreto Dignità, a due anni dall’entrata in vigore, è in rosso, sotto ogni punto di vista: lo hanno sottolineato i partecipanti al webinar organizzato dallo studio Tonucci&partners. 

 

VENERDI' 10 LUGLIO

Giochi fermi a Bolzano, botta e risposta – La Provincia di Bolzano ha mantenuto chiuse sale giochi, scommesse e bingo perché si tratta di luoghi a rischio per la presenza di molte persone in luoghi chiusi. È quanto si legge nella lettera inviata dal presidente della Provincia, Arno Kompatscher, all'associazione As.Tro, rappresentante dei gestori slot. Kompatscher risponde alle richieste di chiarimento inviate a inizio mese. A stretto giro la controrisposta di As.Tro: «Le sale non sono assimilabili alle discoteche, lo stop a oltranza è arbitrario e discriminatorio».



 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password