Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/10/2018 alle ore 19:03

Attualità e Politica

31/05/2018 | 12:07

Giochi in Emilia Romagna, Benelli (avv.gestori): “Nessuna garanzia per le aziende, così è impossibile trasferire le attività"

facebook twitter google pinterest
giochi emilia romagna luoghi sensibili azzardo slot tar benelli

ROMA - La mappatura dei comuni dell’Emilia Romagna sulle aree destinate a diventare “slot free” «è in contrasto con i più elementari principi economici». Così l’avvocato Cino Benelli, avvocato esperto di gaming e difensore dei gestori slot che hanno presentato ricorso al Tar contro la mappatura dei luoghi sensibili a Castelnovo Ne’ Monti e ad Anzola dell'Emilia. Il Tribunale amministrativo ha confermato oggi l’ok ai provvedimenti comunali che impongono almeno 500 metri di distanza tra le sale da gioco e luoghi sensibili come scuole e chiese. «Siamo pronti all’appello in Consiglio di Stato dopo l’ordinanza del Tar Emilia Romagna, secondo cui il danno c’è, ma non è dimostrato - spiega Benelli ad Agipronews - Allo stato attuale non è possibile attuare la dislocazione delle attività. Innanzitutto, le amministrazioni regionali e comunali non hanno previsto un piano di indennizzi, richiesto anche dalla Corte Ue e dalla Corte europea dei diritti dell'uomo. Inoltre, non è stato indicato dove potrebbero essere attuati gli spostamenti e soprattutto non c’è la garanzia che, una volta trasferita l’attività, questa possa continuare fino alla naturale scadenza delle concessioni». Benelli mette in evidenza che «la delibera 831/2017 della Giunta regionale prevede ulteriori trasferimenti delle attività, anche una volta portato a termine il primo spostamento. Nel caso in cui vicino la nuova sede dovesse sopravvenire uno dei luoghi sensibili inclusi nei provvedimenti, l’attività sarebbe costretta a traslocare ancora». Un obbligo che, sostiene l’avvocato, «è in contrasto con i più elementari principi economici prima che giuridici. Continueremo la battaglia legale, eventualmente anche nelle sedi europee», conclude. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password