Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/05/2021 alle ore 12:55

Attualità e Politica

30/04/2021 | 08:40

Giochi in lockdown, il Tar Lazio si defila: no ai ricorsi degli operatori, decisivo il passaggio da Dpcm a decreto legge

facebook twitter pinterest
giochi lockdown tar lazio dpcm decreto legge

ROMA - Il lockdown delle sale giochi non è più di diretta competenza dei tribunali amministrativi. Il cambio di rotta arriva dal Tar Lazio, con l'ordinanza che respinge il ricorso presentato da un operatore del settore. La società ricorrente aveva impugnato il Dpcm del 1° marzo, con cui era stata prolungato lo stop delle sale fino al 6 aprile. Un provvedimento «la cui efficacia è formalmente spirata», scrive il Tar nell'ordinanza, ricordando che le chiusure per le attività di giochi «continuano ad applicarsi in forza del decreto legge» del 1° aprile, quindi sulla base di un provvedimento normativo e non più amministrativo.
«Le statuizioni in questione risultano allo stato recepite da fonte di rango legislativo», precisa il Collegio della Prima sezione. I giudici sottolineano che anche il Consiglio di Stato, con varie ordinanze su altre misure anti-Covid, si è espresso «nel senso della ormai avvenuta “legificazione” dell’impugnato Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri». Alle disposizioni contestate si sono quindi «sostituite identiche previsioni che», all'esame della fase cautelare «appaiono avere rango primario e sono, come tali, suscettibili di rimozione solo previo incidente di costituzionalità».
LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password