Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/09/2020 alle ore 19:00

Attualità e Politica

11/06/2020 | 11:45

Giochi, il Tar Calabria sdogana il distanziometro a “geometria variabile”: i Comuni possono estenderlo dalle slot alle scommesse

facebook twitter google pinterest
giochi tar calabria scommesse distanziometro

ROMA - No alle sale scommesse troppo vicine ai luoghi sensibili come scuole e chiese. Il Tar Calabria respinge così il ricorso di un esercente della provincia di Cosenza, a cui la Questura aveva negato la licenza per l'apertura di un'agenzia a Corigliano-Rossano per il mancato rispetto del "distanziometro". In base alla legge regionale del 2018 sulla promozione della legalità, a rispettare la distanza minima di 500 metri devono essere gli apparecchi da gioco come le slot machine. Tuttavia, scrive il Tar nell'ordinanza di oggi, tale legge «non vieta ai Comuni, nel contesto delle loro competenze, di adottare una regolamentazione più restrittiva, che estenda il divieto anche alla raccolta delle scommesse», così come accaduto a Corigliano-Rossano. Per i giudici, dunque, il regolamento comunale non è in contrasto con la normativa regionale, «di cui piuttosto condivide la finalità di combattere la ludopatia». In attesa dell'udienza di merito che verrà svolta nei prossimi mesi, la sala non potrà quindi essere aperta. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password