Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/02/2020 alle ore 20:32

Attualità e Politica

19/08/2019 | 12:14

Giochi, Tar Emilia riapre sala in provincia di Bologna: Chiesa Apostolica "abusiva", non è un luogo sensibile

facebook twitter google pinterest
giochi tar emilia chiesta apostolica

ROMA - Le distanze minime dai luoghi sensibile imposte alle sale da gioco non valgono se lo "spazio off limits" è occupato in maniera illegittima. Lo ha stabilito il Tar Emilia Romagna nella sentenza che accoglie il ricorso presentato da una sala di Anzola dell'Emilia (BO), rappresentata dall'avvocato Cino Benelli, a cui il Comune aveva ordinato la chiusura per il mancato rispetto del "distanziometro" di 500 metri previsto dalla legge regionale. Il Tar, pur confermando la legittimità della distanza minima, ha ritenuto però che in questo caso non sia applicabile. L'immobile in questione, sede locale della Chiesa Apostolica in Italia, ha una destinazione commerciale e dal punto di vista edilizio non rientra nella categoria dei servizi di tipo religioso. «Le attività commerciali e quelle culturali e di culto rappresentano categorie funzionali autonome, per cui per ciascuna si impone l’acquisizione del titolo edilizio abilitativo, che, nel caso in esame, non risulta esser mai stato rilasciato», si legge nella sentenza. Un limite «così pregnante all'iniziativa economica» come quello dei 500 metri, presuppone «che il luogo da tutelare abbia titolo per trovarsi nell’immobile sito ad una distanza inferiore da quella imposta dal divieto». Bocciata anche la tesi secondo cui la Chiesa Apostolica costituirebbe un'associazione di promozione sociale, anche quella tutelabile con il "distanziometro". «Non è stata offerta prova» per cui la Chiesa Apostolica debba essere considerata tale e dunque non può fruire delle agevolazioni edilizie previste per le associazioni di questo tipo. «La sua presenza nell’immobile attualmente occupato che ha una destinazione commerciale - conclude il Tar - è pertanto illegittima e non può costituire motivo per inibire l’attività della ricorrente». LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

gicohi aosta

Giochi, Aosta: sanzioni per 3.500 euro tra dicembre e gennaio

22/02/2020 | 17:43 ROMA - Ammonta a 3.500 euro il totale delle sanzioni disposte dalla polizia locale di Aosta a cavallo tra dicembre e gennaio, per le violazioni al regolamento comunale contro il gioco patologico. Una multa di 500 euro è stata...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password