Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/07/2019 alle ore 19:00

Attualità e Politica

02/04/2019 | 11:36

Giochi, Tar Friuli conferma lo stop alle slot troppo vicine ai luoghi sensibili

facebook twitter google pinterest
giochi tar friuli slot ludopatia pordenone

ROMA - No alle slot troppo vicine ai luoghi sensibili come scuole e chiese. Il Tar Friuli ribadisce il principio del "distanziometro" stabilito dalla legge regionale sul gioco nella sentenza che respinge il ricorso presentato dal titolare di una caffetteria di Pordenone, a cui il Comune ha imposto «la disinstallazione immediata degli apparecchi». Il Collegio ha bocciato la tesi del ricorrente, secondo cui la segnalazione certificata di inizio attività presentata nel 2016 - e mai contestata - lo autorizzava a tenere anche slot machine: il Tar, fa notare che nel corso del 2016 è stato però stipulato un contratto con un nuovo concessionario, circostanza che ha portato alla «nuova installazione» prevista dalla legge regionale contro la ludopatia: la norma approvata nel 2014 prevede il divieto di «nuove installazioni» di slot a meno di 500 metri di distanza dai luoghi sensibili e che per «nuova installazione» si intende anche «la stipulazione di un nuovo contratto» con i concessionari. In questo caso gli apparecchi si trovano a meno di 300 metri da una chiesa: il Tar conferma dunque lo stop alle slot nella caffetteria del ricorrente. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password