Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/10/2021 alle ore 14:14

Attualità e Politica

13/05/2021 | 14:00

Giochi, Tar Umbria: anche le sale scommesse devono rispettare il distanziometro

facebook twitter pinterest
giochi tar umbria sale scommesse distanziometro

ROMA - Le sale scommesse sono equiparabili alle sale gioco e devono rispettare la distanza minima dai luoghi sensibili. A stabilirlo è il Tar Umbria sul caso sollevato dal gestore di una sala scommesse di Perugia, a cui il Comune aveva ordinato lo stop dell'attività per la violazione del distanziometro previsto dalla legge regionale sul gioco (almeno 500 metri da spazi "off limits" come scuole e chiese). Secondo l'esercente, la norma sulle distanze minime andrebbe applicata «alle sole sale giochi in senso stretto», così come previsto dalla norma regionale, «e non anche alle sale di raccolta scommesse». Tuttavia, spiega il Tar, «l’attività di gestione delle scommesse lecite», prevista dall’articolo 88 del testo unico di pubblica sicurezza, «è parificata alle sale da gioco», che sono invece disciplinate dall'articolo 86. «In tale contesto si pone quindi la legislazione attuativa della Regione Umbria, alla stregua di un’interpretazione sistematica e logica che, malgrado le espressioni letterali impiegate - sale da gioco e/o sale scommesse - non può che essere riferita ad entrambe le attività, fonti entrambi di rischi di diffusione della ludopatia». Il provvedimento del Comune di Perugia «non può che ritenersi legittimo», mentre il ricorso del gestore è stato respinto.
LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password